Avellino, Castaldo: "Sono sicuro che ci salveremo, dipende tutto da noi"

Serie B
castaldo_lp

L’attaccante dell’Avellino ha parlato in conferenza stampa soffermandosi sul momento della squadra e sui prossimi impegni: "Con il Carpi sarà una partita più difficile rispetto a quella di Palermo"

CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA DI SERIE B

CLICCA QUI PER TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Obiettivo ripartire, dimenticando le sconfitte subite contro Frosinone e Palermo nelle ultime due partite giocate. Foscarini deve affrontare il primo momento negativo della sua nuova esperienza sulla panchina biancoverde, una situazione non facile da cui bisogna uscire prima possibile per raggiungere il traguardo salvezza. Per ottenerlo serviranno i gol di Gigi Castaldo, che nella mattinata di martedì è intervenuto in conferenza stampa per garantire impegno e determinazione in vista delle prossime gare in calendario: "La salvezza dipende solo da noi e dai nostri risultati, non ci deve interessare ciò che fanno gli altri ma dobbiamo pensare solo ai nostri impegni. Il gioco c’è, ma al momento non basta per ottenere risultati positivi, serve qualcosa in più. La difesa? La responsabilità è di tutta la squadra, la fase difensiva inizia con gli attaccanti dunque tutti abbiamo le nostre colpe per i gol subiti. Magari dalle prossime guarderemo più al risultato e meno alla prestazione, ma sono sicuro che ci salveremo".

"I tifosi ci aiuteranno"

Castaldo poi sottolinea l’importanza dei tifosi, grazie al loro apporto l’Avellino potrà ottenere il traguardo della salvezza: “Sono sicuro che ci daranno una grossa mano, non ho davvero aggettivi per descriverli. Il Carpi? Non bisogna pensare che non avranno motivazioni, servono cattiveria e rabbia per vincere. Sarà più difficile che a Palermo, ma vogliamo portare a casa i tre punti. In questo momento è inutile fare calcoli, pensiamo a fare più punti possibili e a salvarci. Asencio? E' giovane, di prospettiva, può fare bene. Ha sempre giocato in Primavera, è al primo campionato in B e può ancora crescere e migliorare. A inizio campionato avevamo altri obiettivi ma poi a parlare è sempre il campo e non sempre gli obiettivi si riescono a rispettare. Poi un po' gli infortuni un po' altre situazioni ci hanno condizionato. Ma siamo tranquilli e consapevoli di quello che dobbiamo fare. Foscarini ci ha dato carica e serenità. Ora pensiamo solo alla gara di Carpi, anche un nuovo tatuaggio in caso di salvezza sarà un argomento che semmai affronterò dopo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche