Cremonese, Claiton: "Ripartiamo dalla reazione"

Serie B
Claiton, Cremonese (LaPresse)

L’attaccante tornato in campo dopo un lungo infortunio: "Adesso sono rientrato e finalmente mi sento bene anche se ho fatto soltanto un allenamento completo. Devo ancora calarmi nella mentalità del nuovo allenatore, bisogna accorciare i tempi"

Non è arrivata la vittoria che tutto l’ambiente sperava ma dopo l’1-1 tra Cremonese e Novara l’allenatore grigiorosso Mandorlini ha dichiarato di aver visto segnali positivi e incoraggianti per questo finale di stagione. Un punto guadagnato sulla zona playout grazie a ciò che è accaduto nella ripresa, quando dopo la rete del vantaggio piemontese di Macheda è stato Claiton a segnare il gol del pareggio con un gran tiro da dentro l’area. Fondamentale si è rivelato così il recupero di questo giocatore che per larghi tratti della stagione è stato costretto a non scendere in campo per i suoi problemi fisici. La grinta di Claiton Dos Santos ha fatto la differenza ieri e dopo l’1-1 è stato lo stesso giocatore a festeggiare con tutta la sua gioia mista a rabbia dopo aver archiviato un periodo complicato dal punto di vista fisico e mentale. Dopo il 90º è stato proprio lui a parlare delle sue sensazioni e del momento dell’intero gruppo: “In quel momento sono esploso perché ero fuori da due mesi e non potevo giocare. Adesso sono rientrato e finalmente mi sento bene anche se ho fatto soltanto un allenamento completo con il resto della squadra. So che devo ancora calarmi bene nella mentalità del nuovo allenatore che è qui da poco e nel nuovo sistema di gioco che sta cercando di far capire a tutto il gruppo”.

“E anche però vero che bisogna accorciare i tempi perché è necessario uscire più velocemente possibile da questa situazione che ci vede protagonisti nelle zone più basse della classifica“. Lo stesso attaccante è stato poi protagonista anche della reazione successiva all’intervento scomposto di Macheda che ha portato l’arbitro ad espellere proprio l’attaccante del Novara. Lo stesso Claiton è stato ammonito, in una gara che soprattutto nella ripresa ha visto numerosi gesti di nervosismo. È proprio l’attaccante a tornare sull’episodio: “Ho visto che mentre si rialzava dopo aver perso l’equilibrio Macheda ha dato un calcio nel contrasto con Croce e credo che il rosso deciso dall’arbitro sia giustissimo - ha aggiunto - è stata una partita nervosa per tutti perché la posta in palio era davvero alta ma siamo stati bravi noi a non cadere nella provocazione dell’avversario e poi a segnare il gol del pareggio. La reazione della squadra c’è stata e si è vista, si può anche dire che il pareggio in realtà ci sta stretto ma è colpa nostra perché dovevamo sfruttare meglio le occasioni che abbiamo creato e sono state tante. Adesso quello che conta è ripartire proprio da questa nostra reazione positiva che se non altro è servita a raggiungere il pareggio”. Nel prossimo appuntamento - in calendario lunedì sera alle 20 45 al Castellani - la Cremonese riprenderà la sua corsa verso la salvezza affrontando in trasferta l’Empoli capolista e già promosso in Serie A.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.