Parma, Lucarelli: "Ho compiuto la mia missione, ora penso al ritiro"

Serie B

Il capitano del Parma, dopo la storica promozione in Serie A (mai nessuno aveva fatto il salto dalla D alla A in tre anni) ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 tra commozione e il pensiero del ritiro

PARMA, NESSUNO COME TE

Alessandro Lucarelli è il simbolo del Parma. Non solo per quella fascia di capitano attorno al braccio, ma per essere sceso dalla A alla D ed essere riuscito, come mai nessuno prima, a tornare in Serie A nel giro di tre anni. Ogni stagione una promozione, il sogno massimo campionato che è eraltà per il Parma e i suoi tifosi. Dall'inferno e ritorno, dopo il fallimento del 2015 e quell'Europa League conquistata ma mai disputata nel 2014. Sempre il 18 maggio. "Siamo rimasti a festeggiare fino alle 4, sarò andato a letto alle 5 e mezza e alle 8 ero in piedi. Capiremo quello che abbiamo fatto più avanti. Quattro anni fa festeggiavamo una cosa raggiunta sul campo e poi tolta per i problemi in società. Siamo dovuti ripartire, siamo falliti e rinati. Si sono però gettate le basi per essere qui oggi, c’è stato grande supporto da parte della gente e dei tifosi, abbiamo intrapreso un percorso importante. Neanche nei sogni più belli pensavamo di tornare in Serie A in tre anni, io avevo accettato questa sfida per provarci, se me l’avessero detto non ci avrei creduto. Vedevo che l’età avanzava ma riuscivo a rimanere in campo anche se avevo paura di non farcela. Mi ripaga e ci ripaga per quello che abbiamo passato. Godiamoci questo momento. Ho tante cose che mi frullano pe la testa. Ora l’intenzione è quella di smettere, ho compiuto la mia missione che era quella di riportare il Parma in Serie A, ci sono riuscito e cercherò di prendere la decisione migliore insieme al club. Siamo un gruppo unito e straordinario. Tre grazie? Ai tifosi, che non ci hanno mai abbandonato, si sono stretti alla squadra nel periodo peggiore. Un grazie ai compagni in questi tre anni e uno alla mia famiglia, che mi è rimasta vicina sempre, soprattutto nell’anno del fallimento, quando sono stato troppo spesso lontano da casa".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche