Pescara, Campagnaro: "Non è ancora il momento di smettere"

Serie B
pescara_lapresse

Il difensore argentino: "Se vengo gestito bene, come successo a fine campionato, posso ancora giocare e ho molta voglia di farlo. Qui a Pescara sto molto bene, ma devo capire come andranno le cose però la mia idea è continuare a giocare perché sento di poter essere ancora utile"

PILLON: "COL CLUB CERCHIAMO UN ACCORDO"

Una stagione non semplice, sia per il suo Pescara - partito con ambizione che si sono poi presto trasformate in qualcosa di diverso - sia per il difensore biancazzurro Hugo Campagnaro. L’ex Inter e Samp ha avuto numerosi problemi fisici che non gli hanno permesso di aiutare la squadra con la sua esperienza. Ora, a campionato terminata, il suo futuro resta da definire. Intanto proprio il calciatore ha parlato di quelle che sono le sue intenzioni, in attesa di confrontarsi anche con la società: “Se vengo gestito bene, come successo a fine campionato, posso ancora giocare e ho molta voglia di farlo. Qui a Pescara sto molto bene, ma devo capire come andranno le cose però la mia idea è continuare a giocare perché sento di poter essere ancora utile. Non sono ancora pronto per essere un dirigente, mi sento un calciatore e ne parlerò col presidente Sebastiani con cui ho un ottimo rapporto. Lui sa che per me non è un problema di soldi restare, non ci saranno problemi".

Su Pillon e sulla stagione

E poi, sul rapporto con l’ultimo allenatore della stagione (dopo Zeman ed Epifani), Giuseppe Pillon, l’argentino aggiunge: “Con l’allenatore, che è stato bravissimo, ho svolto un lavoro personalizzato. Per stare al massimo, a 38 anni, è l’unica strada percorribile. Mentalmente sono a posto, così come fisicamente. A Pescara mi trovo molto bene. Non mi arrendo. Il mio desiderio è di continuare a giocare con questa maglia. Ho avuto molti problemi fisici ma proprio dal momento dell’arrivo di Pillon mi sono comunque sentito importante; lui mi ha detto che sarei stato utile. A Venezia sono entrato negli ultimi 20 minuti, molto complicati, ma ho potuto dare il mio contributo. Aiutare la squadra a raggiungere la salvezza mi ha fatto stare bene. Il ruolo dell’allenatore è quello di riuscire a far dare il massimo da ogni suo calciatore e Pillon ci è riuscito. La stagione è andata male, all’inizio siamo stati anche sfortunati negli episodi e siamo andati con il morale sotto i tacchi. Poi abbiamo cambiato passo e siamo venuti fuori da una situazione complicata lavorando bene".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche