user
16 giugno 2018

Frosinone in Serie A: Palermo battuto 2-0 nella finale playoff di B, gol e highlights

print-icon

Maiello e Ciano regalano la vittoria alla squadra di Longo: allo "Stirpe" finisce 2-0 in una gara molto nervosa, in cui il Palermo protesta per un rigore non assegnato sull'1-0 per il Frosinone. Gialloblù di nuovo in A dopo due anni

FROSINONE-PALERMO: LE DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO

FINALE ROVENTE: IL PALERMO PRESENTA RICORSO

CLICCA QUI PER RIVIVERE LA CRONACA DI FROSINONE-PALERMO

IL CAMMINO DEL FROSINONE

TUTTE LE PROMOSSE IN EUROPA

FROSINONE-PALERMO 2-0

52' Maiello (F), 96' Ciano (F)

"Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso": con questa frase di Nelson Mandela il Frosinone festeggia il ritorno in Serie A. E a giudicare la stagione dei laziali, sintesi migliore non poteva esserci: lo hanno dimostrato dopo l'ultima giornata con il Foggia, lo hanno dimostrato soffrendo nella gara d'andata e lo hanno dimostrato anche nella gara di ritorno contro il Palermo dove hanno saputo di saper aspettare il momento giusto, fino all'eurogol di Maiello. Nel finale il gol di Ciano fissa il risultato sul 2-0 sul Palermo e che vale la promozione in Serie A. I rosanero, però, protestano fortemente in primis per un episodio di campo, avvenuto al 60' dopo un fallo su Coronado. Nel finale, poi, succede di tutto: la posta in gioco (promozione) è alta e in campo il nervosismo va a mille. La partita si chiude dopo il gol del 2-0 di Ciano, con l'invasione dei tifosi di casa. Nel post-gara, il presidente rosanero Giammarva annuncia a Sky l'intenzione di presentare ricorso.

Le scelte

Moreno Longo conferma l’undici annunciato alla vigilia. Davanti, c’è la coppia composta da Dionisi e Ciano. Sugli esterni, l’allenatore del Frosinone si affida a Ciofani e Crivello. Di fronte c’è un Palermo che non si copre: Roberto Stellone schiera un 3-4-1-2 offensivo, nonostante il vantaggio maturato all’andata. In avanti giocano sia La Gumina, sia Nestorovski. Alle loro spalle c’è Coronado, a cui spetta il compito di inventare per i due davanti. 

Primo tempo

Le scintille non mancano sin dall'inizio. Nei primi tre minuti di gioco, l’arbitro Federico La Penna è subito messo a dura prova dai 22 in campo: tanto nervosismo in campo con Nestorovski e Krajnc che vengono subito al faccia a faccia, dopo uno spintone dell’attaccante rosanero ai danni di Terranova. Il difensore va a muso duro per difendere il compagno e viene ammonito. I cartellini però non sembrano frenare l’agonismo: molte le interruzioni di gioco in avvio e la prima occasione prova a crearla Soddimo andando via sulla sinistra a Dawidowicz, ma l’ex Pescara si lascia cadere in area non appena sente il tocco del suo marcatore. Cartellino per l’esterno e infortunio per il polacco, che cade male nel tentativo di fermare la corsa del numero 10 del Frosinone: entra Szyminski. Al 12’ il Palermo sfiora il vantaggio con un gran destro dalla distanza di Murawski, sul quale Vigorito si supera andando a smanacciare con il pallone dall’angolo basso. La tensione non diminuisce: su un calcio di punizione Ciofani toglie il pallone dalla testa di Terranova, meglio posizionato. Tra i due compagni c’è uno duro scontro, prima del chiarimento. La gara fatica a decollare, tante le interruzioni: al 30’ sono già cinque gli ammoniti in campo. Molte meno le occasioni da rete, una per parte: prima Coronado schiaccia troppo il destro, mentre Pomini è attento sul tentativo di Crivello. La prima vera occasione per il Frosinone porta la firma di Camillo Ciano: la sua rasoiata dal limite dell'area sfila a un soffio dal palo della porta di Pomini. Nel finale di tempo le squadre abbassano l’intensità dopo una gara da saloon:  Palermo e Frosinone non riescono a offrire lo stesso spettacolo della gara di andata, le occasioni si contano sulle dita di un mano anche a causa del grande agonismo in mezzo al campo. Difficile per i giocatori più tecnici riuscire a trovare spunti vincenti in una sfida tatticamente perfetta. Il primo tempo finisce con un'occasione per parte e sei ammoniti nell’arco dei quarantacinque minuti.

Secondo tempo

La ripresa inizia seguendo lo stesso copione dei primi 45 minuti: partita spezzettata fino al 7', quando Maiello si inventa un capolavoro: l’ex Empoli piazza il destro a giro nell’angolo e fa esplodere di gioia lo "Stirpe". È la svolta della partita: lo stadio del Frosinone è una bolgia, Soddimo sfiora il raddoppio provando il tiro di controbalzo. Al 15' della ripresa la partita si fa incandescente a causa di un fallo di Brighenti su Coronado: il numero dieci del Palermo salta il difensore, che lo stende proprio a ridosso dell'area di rigore. Il direttore di gara concede la punizione, poi cambia idea e indica il dischetto tra le proteste del Frosinone. Passano alcuni secondi e l'arbitro torna sulla sua decisione iniziale e decide di far battere il calcio di punizione tra le proteste dei palermitani: ne vengono fuori alcuni minuti concitati al termine della quale Dawidowicz viene espulso dalla panchina. Un episodio sul quale sarebbe stato utile il Var. Il Frosinone avrebbe la possibilità di chiudere il discorso promozione con Camillo Ciano che prova a bissare il bolide dell’andata, ma stavolta è meno preciso. La partita continua a essere spezzata dalle interruzioni. Gori va a terra per un dolore alla spalla: infortunio che lo costringerà a lasciare il campo. Negli ultimi dieci minuti il Palermo prova l’assedio: Coronado ci prova con un tiro dalla media distanza, ma è una soluzione dettata più dalla disperazione che altro, pallone che finisce alto. La squadra di Stellone prova ad alzare il baricentro ma senza riuscire a organizzare la manovra con lucidità: il pallone scotta sempre più tra i piedi dei 22 in campo ma i rosanero non riescono a trovare la via della rete. Nel finale succede praticamente di tutto: si arriva oltre il 50’ anche a causa dei palloni lanciati in campo da alcuni calciatori per rallentare il gioco. Al 96' Ciano va via da solo in contropiede e trova il gol del 2-0 che regala al Frosinone la promozione in Serie A, con lo "Stirpe" che invade il terreno di gioco per festeggiare in anticipo rispetto al recupero concesso dall'arbitro.

FROSINONE-PALERMO 2-0 IL TABELLINO

Frosinone (3-5-2): Vigorito; Brighenti, Terranova, Krajnc; Ciofani, Soddimo, Maiello, Gori (74' Chibsah), Crivello; Ciano, Dionisi. All. Longo

Palermo (3-4-1-2): Pomini; Rispoli, Struna, Rajkovic, Dawidowicz (8' Szyminski), Aleesami; Murawski (77' Trajkovski), Jajalo; Coronado; La Gumina, Nestorovski. All. Stellone

Marcatori: 52' Maiello (F), 96' Ciano (F)  

Ammoniti: Krajnc (F), Soddimo (F), Jajalo (P), Dionisi (F), Aleesami (P), Nestorovski (P), Ciofani (F), Szyminski (P), Struna (P)

FROSINONE IN SERIE A: SI SCATENA LA GIOIA IN CAMPO

Serie B 2017-2018, tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi