Serie B, ripescaggi: palla al Consiglio Federale. L'Entella spera

Serie B

Il primo Consiglio Federale indetto dal neo presidente della Figc Gabriele Gravina sarà chiamato a prendere le prime decisioni verso una riforma del calcio italiano: da dirimere la questione ripescaggi serie B dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha "confermato" (contro la decisione del Tar del Lazio) il format a 19 squadre. La 20^ potrebbe però essere l'Entella. Da valutare e "normalizzare" la questione legata alla Giustizia Sportiva

BALATA: "SERIE B A 19, BASTA STRAVOLGIMENTI"

LA DECISIONE DEL CONSIGLIO DI STATO

Primo Consiglio Federale dell'era Gravina e prime decisioni da prendere, che dovranno cominciare a mettere ordine, ma soprattutto armonia, dopo un'estate difficilissima soprattutto per B e C. La prima cosa su cui i membri del Consiglio (Gravina, Micciché, Marotta, Lotito, Balata, Lo Monaco, Baumgartner, Sibilia, Frascà, Franchi, Acciardi, Baretti, Montemurro, Tommasi, Calcagno, Zambrotta, Gama, Nicchi, Beretta, Zatras) dovranno decidere è proprio la vicenda del format di serie B.

Non possono non tenere conto di quello che è successo negli ultimi due giorni. E se la riunione è stata indetta dopo la presa di posizione del TAR che di fatto dava ragione alle ricorrenti dicendo che la B a 19 non poteva essere presa in considerazione, nel frattempo è arrivato anche il pronunciamento del Consiglio di Stato che invece ha giudicato legittimo l'operato di Fabbricini, ex comissario straordinario della Federazione.

Quindi la sensazione è che la serie B possa rimanere con questa struttura e che al massimo verrà presa in considerazione la posizione dell'Entella, che il Coni ha già deciso debba essere reintegrata in B, che potrebbe diventare la 20esima società. A margine potrebbero essere indicate anche delle linee guida su come ci si dovrà comportare su promozioni e retrocessioni per la prossima stagione visto che comunque l'obiettivo dichiarato del nuovo presidente è quello di ridurre la serie B.

Ma non sarà questo l’unico atto in cui sarà impegnato il Consiglio Federale. Intanto verranno nominati i due vicepresidenti che salvo clamorose sorprese saranno Micciché (presidente della Lega di A) e Sibilia (presidente della LND). Soprattutto verranno istituite delle commissioni (da 4 a 6, dipende dai temi che saranno buttati sul tavolo dai consiglieri) per la riforma del calcio. Per una "normalizzazione" e "semplificazione". Dalla riforma dei campionati (dalla A alla D) per fare in modo che il calcio sia più sostenibile, al cambiamento e semplificazione delle norme del codice della giustizia sportiva, per fare in modo che siano più chiare e meno interpretabili possibile.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche