Playoff Serie C - Siena, Cristiani: "Consapevoli di noi stessi"

Serie C - Lega Pro
siena_mignani

Il centrocampista bianconero ha commentato il sorteggio playoff contro la Reggiana: "Dobbiamo essere consapevoli delle nostre qualità, siamo chiamati a fare un campionato a parte. E la Reggiana è una squadra tosta"

Alessio Cristiani ci crede e vuole la B, come tutta Siena. Che sogna, sogna ancora e continua a farlo, almeno fino alla sfida-playoff contro la Reggiana. Alessio Cristiani, ovvero? Centrocampista, un classe ’89 con 29 gare e 4 stagionali, pronto a battersi per il Siena fino all’ultimo minuto: “Andremo in campo consapevoli della nostra forza”. Che è tanta, infinita. Nonostante il secondo posto alle spalle del Livorno, i bianconeri non hanno mollato e ora giocheranno i quarti di finale playoff contro la Reggiana. Una squadra ostica, difficile da affrontare, soprattutto intrisa di talento e ben allenata: “Ce la giocheremo a viso aperto” dice Cristiani, intervistato dal sito ufficiale della Robur in merito alla prossima sfida decisiva. 

“Siamo consapevoli di noi stessi”

Capitolo Reggiana: “È una grandissima squadra, è forte e gioca praticamente come noi: avranno alcune assenze, quello sì, ma dobbiamo prenderla con le molle, ce la giocheremo a viso aperto. Ho giocato insieme ad Altinier a Benevento e a Como, e con Cesarini al Viareggio: mi dispiace molto per l’infortunio di Alessandro, secondo me poteva essere l’arma in più di questa Reggiana. Arriviamo a questi playoff consapevoli dei nostri mezzi, abbiamo fatto un campionato straordinario e secondo me possiamo giocarcela con tutti se ci facciamo trovare pronti fisicamente”. Conluce Cristiani: “I playoff sono un campionato a parte, chi arriva mentalmente più libero, senza pressioni e senza l’obbligo di vincere può fare la differenza, come hanno dimostrato Feralpisalò, Cosenza e Viterbese".

Magalini, ds Reggiana: “Troppi infortuni, ma niente piagnistei”

Parola agli avversari: “Nei playoff bisogna essere cinici: ci stiamo riuscendo ma non mi sento di esser stato messo sotto dalla Juve Stabia. Gli occhi della squadra hanno detto molto: basta guardare l'esultanza”. Tante assenze per la Reggiana in vista della sfida contro il Siena, il ds Magalini ne parla così: “Non è un piagnisteo ma regalare giocatori del genere agli avversari è veramente un grosso problema. Cesarini è il più forte giocatore del nostro girone e forse anche di tutta la categoria. Ma chi lo sostituirà darà tutto!”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche