Lazio, Rissa Hoedt-Felipe: nessun provvedimento disciplinare

CalcioMercato

Una brutta entrata di Felipe Anderson su Hoedt ha provocato una rissa nel corso della partitella finale. Il brasiliano ha avuto la peggio riportanto una vistosa ferita sul labbro, ma la società ha deciso che non verrà preso alcun provvedimento disciplinare

Tutte le trattative di mercato  IL TABELLONE DEL MERCATO

Non ci sarà alcun provvedimento disciplinare nei confronti di Hoedt e Felipe Anderson, protagonisti di una piccola rissa durante la partitella finale dell'allenamento di ieri nel ritiro di Auronzo di Cadore. E' questa la decisione presa da Simone Inzaghi e Angelo Peruzzi, team manager della squadra, che questa mattina hanno tenuto a rapporto i giocatori dopo la brutta giornata di ieri. L'allenatore e l'ex portiere biancoceleste hanno parlato ai giocatori prima dell'allenamento, comunicando loro che non verrà preso alcun provvedimento ma che allo stesso tempo in futuro non verranno tollerati atteggiamenti del genere.  

La ricostruzione della vicenda

Nel corso della partitella finale disputata nell'allenamento di ieri pomeriggio durante un constrasto Felipe Anderson entra in maniera un po' troppo dura nei confronti di Hoedt. Quest'ultimo non gradisce l'entrata del brasiliano e decide di affrontarlo a muso duro. A quel punto Wallace e Patric intervengono in difesa dell'olandese, ma è solo grazie all'intervento dei veterani Radu e Lulic che la calma riesce a tornare sul campo di Auronzo. Felipe lascia l'allenamento con una borsa del ghiaccio sul labbro, per poi postare su Instagram una foto del suo labbro spaccato. 

Inzaghi minimizza, Biglia al Milan

Insomma non il modo migliore per cominciare una stagione che deve confermare tutto quello di buono che la squadra ha fatto l'anno scorso. Per Inzaghi un episodio isolato, "cose che capitano" insomma, ma che inevitabilmente lasceranno qualche strascico in un gruppo che ha appena perso il proprio capitano, quel Lucas Biglia che proprio questa mattina ha lasciato il ritiro biancoceleste per aggregarsi al Milan di Montella. E proprio le ultime ore dell'argentino, costretto da una trattativa a rilento a presentarsi controvoglia ad Auronzo da Inzaghi e fischiato da alcuni tifosi, di certo non hanno aiutato a dissipare quel clima di tensione che ogni tanto si respira all'interno del gruppo biancoceleste. Inzaghi, che la passata stagione fece un mezzo miracolo sportivo, avrà un nuovo difficilissimo compito.

I più letti