Milan, André Silva: "Italia? Difficile adattarsi. Sogno il Mondiale"

Calciomercato
silva

L'attaccante portoghese ha raccontato il suo arrivo in Serie A alla rivista ufficiale rossonera, tra sogni di riscatto e l'obiettivo Mondiale: "Mi manca la famiglia, non è stato facile adattarsi all'Italia. La lingua, le persone, la squadra. Ora vorrei vincere il Mondiale col Portogallo"

PATO: "SOGNO DI TORNARE AL MILAN"

André Silva a cuore aperto, a tutto tondo, come se fosse una confessione. Lui, il Milan e i problemi d'adattamento che ne hanno condizionato l'ascesa. L'attaccante portoghese, acquistato dal Porto l'estate scorsa per 38 milioni di euro, ha parlato a 360 gradi alla rivista ufficiale rossonera "Forza Milan": 10 reti stagionali, 2 in Serie A e 8 in Europa League. Senza contare la staffetta perenne tra lui, Kalinic e Cutrone su chi dovesse giocare dal primo minuto. André Silva, oggi, si giocherà il Mondiale con il Portogallo e "sogna di vincerlo". Per lui essere protagonista è tutto. Queste le sue "confessioni" sulla sua stagione. 

"Adattarsi all'Italia è stato difficile"

Qualche problema di ambientamento: "È la prima volta che vivo lontano da casa e dalla spiaggia, sono abituato a ‘respirare’ il sale. Spesso passeggiavo o andavo in bicicletta sul litorale". Continua André Silva, l'Italia è stata impegnativa: "La preparazione fisica diversa non è stata un problema. La difficoltà principale è stata adattarsi a uno stile di vita differente, alle nuove abitudini: la lingua, le persone, la squadra. Non sono italiano e sono qui da solo, parlo solo il portoghese, mentre gli altri parlano italiano e molti in spagnolo”. E' mancata anche la sua famiglia: "È molto numerosa, sono cresciuto con i miei genitori, con mio fratello e i miei cugini. In vacanza spesso ero con loro. La mia famiglia è molto unita, a ogni compleanno eravamo tutti presenti, ogni domenica ci si ritrovava tutti insieme”. Il padre è stato fondamentale nella sua crescita: "Mi ha seguito in tutte le partite, da bambino guardava anche gli allenamenti. Comprò anche una videocamera per filmare le partite e poterle ricordare in futuro. Ora purtroppo non riesco più a guardarle, erano in VHS”.

"Sogno di vincere il Mondiale"

Capitolo Nazionale, André Silva andrà in Russia con CR7 e compagni. 11 reti in 20 presenze con il Portogallo, ora il Mondiale: "Dobbiamo essere convinti delle nostre possibilità, non andremo in Russia a divertirci - dichiara André Silva - Vincerlo è il sogno di tutti i calciatori. Sappiamo che sarà difficile, tutti pensano a vincere nel nostro girone: Spagna, Iran e Marocco. Ma dobbiamo essere convinti delle nostre possibilità". Infine, un passaggio "personale" sulle sue caratteristiche" Devo migliorare nell’uso del sinistro. Ma non solo, posso migliorare nel dribbling e nel tiro in porta. Si può sempre progredire, non mi pongo limiti”. Qualche difetto: "Forse penso troppo al lavoro e poco al riposo. Se ho un traguardo, lo inseguo e non penso ad altro. Se qualcosa mi piace, lo voglio subito”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche