Caricamento in corso...
08 luglio 2017

Tour de France 2017, a Calmejane l'8^ tappa. Froome resta in giallo

print-icon

Il 24enne del Team Direct-Énergie ha vinto la frazione del Giro di Francia che ha portato il gruppo da Dole a Station des Rousses e ha strappato la maglia a pois al nostro Fabio Aru. Il capitano del Team Sky resta in testa alla classifica. Da non perdere domenica la tappa di alta montagna che arriverà a Chambery

LA CLASSIFICA GENERALE     COSI' LA 9^ TAPPA

Lilian Calmejane (Team Direct- Énergie) ha vinto l’ottava tappa del Tour de France, da Dole a Station des Rousses di 187,5 chilometri, tutta nel Dipartimento del Jura (un Massiccio ai confini tra Francia e Svizzera, scoperto e valorizzato negli ultimi anni dagli organizzatori del Giro di Francia). Con il primo posto sull'ultima salita di giornata, il 24enne ha anche conquistato la maglia a pois di leader della classifica della montagna, strappandola al nostro Fabio Aru. Il ciclista del Team Sky Chris Froome resta in maglia gialla con 12’’ su Geraint Thomas e 14’’ proprio su Fabio Aru. Tanti gli attacchi sin dai primi chilometri di una tappa molto variabile dal punto di vista altimetrico, con tre gran premi della montagna: il Col de la Joux (6,1 km al 4,7% di pendenza), la Cote de Viry (7,6 km al 5,2), la Montee de la Combe de Laisia-Les Molines di prima categoria (11,7 km al 6,4%). 

 

La fuga di giornata

Parte centrale di tappa caratterizzata da una fuga di una decina di corridori, con in testa il campione olimpico di Rio Greg Van Avermaet. E Serge Pauwels della Dimension Data, maglia gialla virtuale per diversi chilometri. Nel finale il forcing del gruppo, guidato soprattutto dal Team Sky, ha ridotto il vantaggio dei battistrada che ha permesso a Froome di mantenere il primato. A pochi chilometri dallo scollinamento sulla Montee de la Combe de Laisia-Les Molines Lilian Calmejane (24enne del team Direct Energie) è riuscito a staccare gli ultimi ex compagni di fuga. Quando sembrava essere davvero a un passo dalla vittoria finale, il colpo di scena: è stato costretto quasi a smettere di pedalare a causa dei crampi a 5 chilometri dalla fine. Dopo qualche centinaio di metri la "crisi" è passata ed è andato a conquistare non solo la tappa, anche la maglia a pois di leader della classifica della montagna, strappandola al nostro Fabio Aru.

Il tappone di Chambery

Prima del riposo, la prima tappa che può dare grandi indicazioni sul prosieguo del Tour de France e sconvolgere la classifica generale. La nona tappa con partenza a Nantua e arrivo a Chambery, sarà davvero da non perdere. Il livello delle salite cresce: tre saranno Hors Categorie: il Col de la Biche, la Grand Colombier e il Mont du Chat: un’ascesa di 8,7 km al 10,3% di pendenza media che la Grande Boucle non affronta dal 1974. Prima della fine, ultimi chilometri pianeggianti.
 

I PIU' VISTI DI OGGI