user
01 maggio 2018

Gino Bartali, cittadino onorario d'Israele. La nipote Gioia ricorda l'eroe silenzioso

print-icon

Il 2 maggio Ginettaccio diventa cittadino onorario di Israele. Per rendere omaggio al ciclista-eroe, le parole della nipote Gioia che, a Sky Sport24 HD, ha raccontato la storia del nonno, un esempio per tutti. In onda mercoledì 2 maggio alle 12.15 e alle 16.30

ITALIA VS FROOME: LA CROCIATA PARTE DA GERUSALEMME

TUTTO SUL GIRO D'ITALIA 2018: PERCORSO E TAPPE

GIORNO DELLA MEMORIA: ANCHE LO SPORT RICORDA I SUOI GIUSTI

 

Gino Bartali non era solo un ciclista, era un uomo di fede. Cattolico devoto, pedalava grazie alla sua fede e del bene che fece in sella non parlò mai a nessuno perché “il bene si fa e non si dice”. Così ha sempre insegnato al figlio Andrea, “altrimenti stai approfittando delle disgrazie altrui per il tuo guadagno”.

Gino Bartali era un eroe, ma di quelli silenziosi che tutti conoscevamo per le gesta sportive: 3 volte vincitore del Giro d’Italia (1936, 1937 e 1946), due volte in trionfo al Tour de France (1938 e 1948) senza dimenticare i successi alla Milano-Sanremo e al Giro di Lombardia.

7 luglio 1946: Bartali vince il suo terzo Giro d’Italia

“Ginettaccio” era il corridore. Era l’Italia divisa fra lui e Fausto Coppi. La sua carriera fu interrotta dalla scoppio della seconda guerra mondiale. In quel periodo però non smise di allenarsi e percorrere chilometri: i suoi allenamenti diventarono staffette e lui si trasformò in corriere trasportando nel telaio, sotto la sella e nel manubrio della bicicletta, documenti falsi che salvarono la vita, si stima, a 800 ebrei.

Andrea Bartali, mostra il nome del padre Gino sul Muro d'Onore nel Giardino dei Giusti

Il 23 settembre 2013 Bartali è stato dichiarato Giusto tra le nazioni dallo Yad Vashem, il memoriale ufficiale israeliano delle vittime dell’olocausto, riconoscimento per i non ebrei che hanno salvato anche solo un ebreo durante le persecuzioni naziste.

Il 2 maggio 2018 Israele conferisce a Gino Bartali la cittadinanza onoraria. Un ulteriore testimonianza di riconoscenza e stima verso un uomo eccezionale.

La storia di Gino Bartali è descritta nel libro di Andrea Bartali, figlio di Gino, che ha fatto una lunga ricerca insieme alla figlia Gioia per raccogliere tutte le testimonianza e i documenti che descrivono la vita di “Ginettaccio”. Gioia Bartali ai microfoni di Sky ha raccontato la storia di suo nonno. Un esempio per tutti. In onda su Sky Sport24 HD mercoledì 2 maggio alle 12.15 e alle 16.30

 

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi