Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
16 agosto 2019

Felice Gimondi, da Merckx a Cassani: il ricordo del mondo del ciclismo

print-icon

La notizia della scomparsa di Felice Gimondi ha fatto immediatamente il giro del mondo. Messaggi di cordoglio e di ricordo sono arrivati dal mondo del ciclismo e non solo. L'amico e rivale Merckx: "Sono distrutto". L'avversario Motta: "Litigavamo sempre ma c'era grande rispetto"

È MORTO FELICE GIMONDI, AVEVA 76 ANNI

GIMONDI UOMO BUONO E SIGNORE DEL CICLISMO

"Stavolta perdo io". Eddy Merckx ricorda il rivale-amico Felice Gimondi con parole di omaggio poetiche e allo stesso tempo di valutazione tecnica del campione che è stato. "Perdo prima di tutto un amico e poi l'avversario di una vita. Abbiamo gareggiato per anni sulle strade l'un contro l'altro - ricorda ancora il fuoriclasse belga - ma siamo diventati amici a fine carriera. L'avevo sentito due settimane fa così come capitava ogni tanto. Che dire, sono distrutto".

Cassani: "Era il mio idolo"

"Ho avuto un solo idolo nella mia vita: Felice Gimondi. Ogni volta che lo vedevo era un'emozione perché quando ti innamori di un campione è per tutta la vita. Sei stato un grande Felice". Così il ct della Nazionale di ciclismo, Davide Cassani, ricorda su Twitter il campione scomparso a Giardini Naxos, vittima di un malore mentre faceva il bagno. Cassani ha parlato in esclusiva a Sky Sport: "Un corridore che vince le grandi classiche e i Giri è un fenomeno. Nella mia vita ho tifato solo per lui".

Motta: "Litigavamo, ma c'era grande rispetto"

"E' un colpo durissimo che mi lascia senza parole. Eravamo nemici sempre, ma c'era grande rispetto per l'uomo, per l'atleta e per il rivale", le parole di Gianni Motta che all'Ansa commenta la scomparsa di Felice Gimondi. "Con lui se ne va un pezzo della storia d'Italia e anche della mia - prosegue Motta -. Eravamo entrambi nati poveri e siamo cresciuti a forza di colpi sui pedali. Eravamo rivali, litigavamo - ricorda -. Una volta lo chiamai e gli dissi basta litigare, Felice, pensiamo solo a correre".

Bugno: "Felice parlava con i fatti"

"È una grave mancanza che lascia stupiti, non ci aspettavamo questa notizia”, ha commentato scosso Gianni Bugno la morte di Gimondi. "Ricordo un grande campione che non ha mai fatto parlare o cercato di mostrarsi al pubblico, è sempre stato schivo, è un campione che ha fatto la storia del ciclismo italiano - ha detto -. La rivalità con Merckx? Certamente senza il belga avrebbe vinto di più, ma ha avuto comunque la fortuna di diventare tra i più grandi della storia del ciclismo. Non parlava molto se non con i fatti ed ha sempre espresso le sue opinioni senza clamori".

Di Rocco: "E' stato sempre apprezzato da tutti"

"Una tristezza enorme. C'è rammarico, delusione, un pianto nel cuore. Ho seguito tutta la sua carriera da dirigente, l'ho sempre ammirato e apprezzato", la reazione di Renato Di Rocco, presidente della Federciclismo. "L'oro al mondiale di Barcellona nel 1973 è il ricordo più bello e poi è stato uno dei pochissimi ad aver vinto tutti e tre i grandi giri. La rivalità con Merckx? Ma erano anche amici, e lo erano ancora adesso. Si rispettavano sia in bici che da ex corridori. Felice era una persona che stava bene con tutti ed era apprezzato da tutti".

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi