Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i risultati della notte: Harden 12^ magia

NBA
22 punti, 11 rimbalzi e 11 assist per James Harden (Foto Getty)

La 12^ tripla doppia di James Harden spinge Houston al facile successo su Brooklyn. L'insolita coppia Jimmy Butler-Doug McDermott decide la sfida tra Chicago e Memphis. Detroit vince in casa dei Lakers per la prima volta dal 2008, vittorie interne per Dallas, Toronto e Atlanta

Dallas Mavericks-Minnesota Timberwolves 98-87 — Mavs in campo presto, perché poi in città l’attenzione si sposta sui Cowboys impegnati contro Green Bay nei playoff NFL. Grazie a sei giocatori in doppia cifra — guidati dai 19 di Wesley Matthews e dai 17 di Dirk Nowitzki — e al 41.4% da tre punti, Dallas ferma a tre la striscia positiva di Minnesota, che ha in Gorgui Dieng il proprio (inusuale) miglior marcatore a quota 21 seguito dai 19 di Andrew Wiggins e dai 18 con 9 rimbalzi di Karl-Anthony Towns. Gara decisa a cavallo tra terzo e ultimo quarto, prima con un parziale di 11-3 e poi da 5 punti in fila di Seth Curry (che nell’ultimo mese sta tirando col 53% da tre).

Toronto Raptors-New York Knicks 116-101 — I Knicks vanno a nord (oltre il confine, a Toronto), ma i risultati vanno a sud: senza Porzingis, New York perde la decima gare delle ultime 12 disputate, compromessa in un terzo quarto da 4/21 al tiro per soli 8 punti, contro i 27 dei Raptors. Il vantaggio dei canadesi tocca anche il +38 e il resto è accademia: ci sono 23 punti per DeMar DeRozan, 21 uscendo dalla panchina per Norman Powell e 20 per DeMarre Carroll. Per Toronto terza vittoria in fila, quinta consecutiva contro i Knicks e ottava contro le rivali della Atlantic Division.

Atlanta Hawks-Milwaukee Bucks 111-98 — La battaglia per il 4° posto a Est conferma l’ottimo momento di Atlanta, giunta all’ottava vittoria nelle ultime nove gare. Gli Hawks tirano il 50% da tre punti (13/26), con 4 triple a testa per Kent Bazemore (24 per lui) e per il nuovo arrivato Mike Dunleavy (20 punti in 23 minuti dalla panchina); bene anche Paul Millsap (18) e Dwight Howard, in doppia doppia a quota 16 punti e 14 rimbalzi con 6/8 al tiro. Tra gli ospiti funziona solo Giannis Antetokounmpo, giunto all’ottavo trentello di stagione (33 con 13/22 dal campo, 8 rimbalzi, 6 assist e 3 recuperi).

Brooklyn Nets-Houston Rockets 112-137 — A Brooklyn, si sa, le barbe hipster vanno di moda, e quella di James Harden non poteva che trovarsi a suo agio: dodicesima tripla doppia stagionale “minimalista” con 22 punti, 11 rimbalzi e 11 assist per propiziare 137 punti del solito attacco atomico, che realizza quattro quarti in fila sopra i 30 punti (37-37-30-33). La partita è una fiera del tiro da tre: sono ben 88 quelle tentate, egualmente ripartite tra le due squadre (21 quelle mandate a segno da Houston, 15 per Brooklyn), con solamente 5 dei 25 giocatori scesi in campo a non tentarne nemmeno una. Solamente altre due volte è successo nella storia della NBA che se ne provassero così tante. La curiosità? In entrambe le occasioni erano stati coinvolti i Rockets.

Memphis Grizzlies-Chicago Bulls 104-108 — Senza Dwyane Wade e Nikola Mirotic, i Bulls colgono una delle vittorie più importanti della stagione vincendo sul campo di Memphis in una partita combattutissima (16 avvicendamenti alla guida nel punteggio, 11 parità, nessuna squadra con 10 o più punti di vantaggio). I meriti vanno al solito Jimmy Butler (16 punti, 8 rimbalzi, 6 assist e 3 recuperi con le giocate decisive nel finale) e soprattutto al miglior Doug McDermott di sempre, che realizza il suo massimo in carriera da 31 punti e 6 rimbalzi con 9/16 dal campo (3/6 da tre) ma soprattutto 10/11 ai liberi in 33 minuti. Dall’altra parte giocano bene tanto Mike Conley (28 con 8 assist) quanto Marc Gasol (24 e 11) che Zach Randolph (15+16), ma per la nona volta in 15 partite vengono sconfitti nel weekend del Martin Luther King Day — nonostante le maglie speciali indossate con il richiamo alla ringhiera del Lorraine Motel di Memphis, il luogo dove fu assassinato MLK nel 1968.

Los Angeles Lakers-Detroit Pistons 97-102 — È la tripla a 30.5 secondi dalla fine del miglior realizzatore di serata, Tobias Harris, a decidere la sfida dello Staples Center, arena dove i Pistons non vincevano dal 2008. Detroit interrompe così la striscia di tre sconfitte consecutive infliggendo ai Lakers la quarta in fila (20^ nelle ultime 25 dopo la partenza con record 10-10), nonostante i 26 di Lou Williams e i 20 di D’Angelo Russell (che però ha sbagliato 29 delle ultime 33 triple tentate). I gialloviola avevano toccato anche i 14 punti di vantaggio a metà primo quarto, ma una tripla assurda di Andre Drummond da metà campo aveva già dato il vantaggio ai Pistons sulla sirena del secondo quarto, dando il via a un secondo tempo combattutissimo ma deciso dai 23 di Harris e di Marcus Morris.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport