Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, countdown allo Slam Dunk Contest (1987-89)

NBA
GettyImages-451908710

VIDEO. A Seattle prima e a Chicago poi si crea il mito di Michael Jordan uomo volante: schiacciate leggendarie e un invito che sembra valere ancora oggi: "Come fly with me"

1987, MICHAEL JORDAN, Chicago Bulls — Il parquet è quello della Key Arena di Seattle e tra i partecipanti ci sono due idoli locali, Tom Chambers (poi MVP dell’incontro il giorno dopo) e Terence Stansbury. Quest’ultimo, pur replicando la sua schiacciata-simbolo (la Statua della Liberta a 360°), supera il primo turno ma — come Clyde Drexler — non accede alla finale, che è una sfida a due tra Michael Jordan e Jerome Kersey, compagno dello stesso Drexler a Portland. Contro i voli di MJ — compreso uno con stacco dalla linea del tiro libero — c’è però ben poco da fare e la vittoria nel duello finale è netta, 146-140: “Look at the air, look at the hang time, look at the flying motion”… Un classico senza tempo.

1988, MICHAEL JORDAN, Chicago Bulls — Forse il più grande duello di sempre in una gara delle schiacciate: Michael Jordan (spinto dal pubblico di casa del suo Chicago Stadium) contro Dominique Wilkins, entrambi già campioni nelle edizioni passate. Wilkins è il migliore al primo turno (96), Jordan al secondo (146, con una dunk da 50, massimo possibile) per poi ritrovarsi uno di fronte all’altro in finale. Tre schiacciate a testa, un 45 e due 50 per “The Human Highlight Film”: vuol dire che MJ deve registrare un 48 per eguagliarlo e un 49 per batterlo nell’ultima dunk in programma. Prende la rincorsa da fondo campo e si esibisce in uno dei suoi classici: stacco alla linea del tiro libero e affondata. Arriva il 50, Jordan si conferma campione. 

1989, KENNY WALKER, New York Knicks — Sul parquet di Houston torna tra i partecipanti Spud Webb, campione nel 1986 e in testa alla gara dopo il primo turno. In semifinale però lui e Shelton Jones devono cedere il passo a Clyde Drexler e Kenny Walker, che si guadagnano la finalissima. Un duello anche di soprannomi, “The Glide” (l’uomo che veleggia”) il primo, “Sky” (cielo) il secondo. E un po’ a sorpresa è proprio il mix di potenza e grazia delle schiacciate messe in scena dal giocatore dei New York Knicks a vincere il favore di giudici e tifosi: Kenny “Sky” Walker è il nuovo slam dunk king!

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport