Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Miami continua a vincere: ora sono 12 in fila

NBA
Ancora un'ottima prestazione di Hassan Whiteside (23 punti e 16 rimbalzi) nella vittoria Heat (foto Getty)

Ancora Hassan Whiteside protagonista (23 e 16 rimbalzi) per il dodicesimo successo in fila degli Heat, pur senza Dion Waiters alle prese con un guaio alla caviglia. Più preoccupante l'infortunio di Jabari Parker in casa Bucks: si teme per il suo ginocchio sinistro

Quella che nella NBA si chiama wire-to-wire win, una vittoria ottenuta restando sempre in vantaggio, dal primo secondo all’ultimo: Miami apre la partita con un parziale di 17-2, tiene i Bucks a 15 punti e al 33.3% al tiro nel primo quarto e non si volta più indietro, fino al 106-88 finale che segna la dodicesima vittoria consecutiva della squadra allenata da Erik Spoelstra. Che però è scaramantico: “Non parlo della striscia positiva — dice — ma di un gruppo capace di crearsi un’identità”. Un’identità vincente se è vero che gli Heat, giunti al dodicesimo successo in fila, non perdono dal 13 gennaio scorso — sconfitta occorsa curiosamente proprio contro Milwaukee — e lo fanno dovendo sopportare anche il peso degli infortuni, quelli di Justise Winslow, Josh Richardson, Josh McRoberts e ora anche di Dion Waiters, assente contro i Bucks per un guaio alla caviglia. 

Paura per Jabari Parker - Infortuni che però presentano il conto più salato agli ospiti, che beffardamente nella serata in cui ritrovano in campo Khris Middleton (fuori dall’inizio della stagione a causa della rottura del bicipite femorale della gamba sinistra, 5 punti in 15 minuti per lui al rientro) rischiano di perdere Jabari Parker, uscito a metà del terzo quarto dopo una pericolosa iperestensione del ginocchio sinistro, lo stesso che aveva messo prematuramente fine alla sua stagione da rookie due annate fa. Ora il giocatore — e tutti i Bucks — attendono gli esiti della risonanza magnetica nella speranza che lo stop non sia lungo. Senza uno dei due leader di squadra (uscita con 14 punti sul tabellino), è toccato a Giannis Antetokounmpo cercare di mantenere in gara i suoi ma i suoi 22 punti e 8 rimbalzi non sono serviti a una squadra che — già sotto di 11 all’intervallo — è sembrata definitivamente arrendersi al momento dell’infortunio di Parker.

La vittoria del gruppo — Il dodicesimo successo consecutivo di Miami vede ancora una volta protagonista Hassan Whiteside, autore di 23 punti con 10/12 dal campo conditi da 16 rimbalzi, ma gli Heat registrano anche l’ottimo contributo di James Johnson dalla panchina (20 con 7/12 al tiro) oltre ai 17 di Wayne Ellington con 5 triple e ai 16 — di cui 13 nel primo tempo — di Goran Dragic, che regala anche 7 assist. Una vittoria corale, come per dottrina predicata da Spoelstra, arrivata anche grazie al dominio dei tabelloni (+14, 48 rimbalzi Heat contro i soli 34 dei Bucks) e al vantaggio nei punti ottenuti sotto canestro (55-44). La striscia di vittorie eguaglia quella ottenuta a novembre dai Golden State Warriors (massimo stagionale nella NBA) e si segnala per essere la più lunga di sempre per una squadra che — nonostante i dodici successi — continua a mantenere un record perdente (23-30). La trasferta a Brooklyn che attende ora gli Heat — tutt’altro che proibitiva — potrebbe permettere alla squadra presieduta da Pat Riley di allungare la magica cavalcata: e magari sperare in un posto ai playoff, visto che l’ottavo posto di Detroit (25-28) ora non appare più così lontano.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport