Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, countdown allo Slam Dunk Contest (1993-95)

NBA
GettyImages-462708948

VIDEO. Solo Isaiah Rider - in maglia T'Wolves sul campo di casa di Minneapolis - interrompe l'era targata Harold Miner, che giustifica con due titoli di miglior schiacciatore NBA il suo ingombrante soprannome: "Baby Jordan"

1993, HAROLD MINER, Miami Heat —  Sul parquet di Salt Lake City Cedric Ceballos viene chiamato a difendere il suo titolo dall’assalto di nomi noti come quello di Kenny Smith e di facce nuove, quelle dei due rookie Clarence Weatherspoon (Philadelphia) e Harold Miner (Miami). Saranno proprio questi ultimi due a dar vita alla finale insieme al campione in carica in maglia Phoenix Suns, ma le schiacciate mancine e l’assurda elevazione del n°23 degli Heat — che da questo momento dovrà convivere con l’ingombrante soprannome di “Baby Jordan” — mettono presto tutti d’accordo: il miglior schiacciatore NBA per il 1993 si chiama Harold Miner.

1994, ISIAH RIDER, Minnesota Timberwolves — Ci prova ancora Shawn Kemp, si segnala il piccolo-grande uomo di Denver Robert Pack e viene avvistato pure un tiratore puro come Allan Houston mandare a libri un’improbabile schiacciata con colpo di testa. Fortuna che a mettere tutti d’accordo in finale è l’idolo di casa Isaiah Rider, che parte dall’angolo e sale a inchiodare la schiacciata vincente dopo essersi fatto passare il pallone in mezzo alle gambe. Un numero che si rivedrà anche in futuro, ma che intanto è abbastanza per incoronarlo slam dunk king 1994.

1995, HAROLD MINER, Miami Heat — Isaiah Rider torna a difendere il suo titolo sul parquet di Phoenix, e nel campo dei partecipanti c’è anche il penultimo vincitore, Harold Miner. Finiscono però qui i nomi in competizione, con tutto il rispetto per Jamie Watson (Jazz), Antonio Harvey (Lakers), Tim Perry (Sixers) e Tony Dumas (Mavs). Non stupisce allora che il duello finale sia proprio tra Rider e Miner, con quest’ultimo a spuntarla grazie a un repertorio capace di coniugare energia, stile e potenza, in un mix di 360° mancine e dunk rovesciate a due mani. “Baby Jordan” è di nuovo re delle schiacciate, prima di scomparire senza lasciar traccia dai radar NBA.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport