Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, risultati della notte: 49 di Lillard su Miami

NBA
Lillard

Portland vince l'ottava partita nelle ultime 10 gare, trascinata dai 49 punti di Damian Lillard. I Sixers battono Boston orfana di Isaiah Thomas. La sfida tra i centri più promettenti dell'intera lega se l'aggiudica Anthony Davis e i suoi New Orleans Pelicans

Miami Heat-Portland Trail Blazers 104-115 — Vittoria di prestigio e di estrema importanza per i Blazers, che vanno a vincere sul campo dei caldissimi Heat grazie a una super prestazione di Damian Lillard, autore del suo massimo stagionale da 49 punti — di cui 28 nel decisivo secondo tempo — e il career-high di 9 triple segnate (14/21 in generale dal campo). In una situazione complicata — ultima fermata di una trasferta di cinque partite, per di più in back-to-back — Lillard ha preso in mano la partita nel finale, mettendo a segno 16 dei 28 punti dei Blazers negli ultimi 8 minuti di gara, con i padroni di casa che hanno risposto solo con 18, guidati dalla panchina dai 24 di James Johnson (51-14 il conto per le riserve delle due squadre). L’assenza di Dion Waiters si è fatta sentire per Miami, che ha perso solamente la seconda partita nelle ultime 17 in casa, travolta anche dai 21+12 di Jusuf Nurkic e i 18 di C.J. McCollum. Con questa vittoria — l’ottava nelle ultime dieci — i Blazers si portano a una sola partita di distanza da Denver, mentre Miami scivola dal settimo al nono posto nella Eastern Conference.

Brooklyn Nets-Dallas Mavericks 104-111 — Dopo averne presi 42 dai Sixers, i Mavericks si rialzano e vincono sul campo dei Nets grazie agli unici due reduci della squadra del titolo del 2011: Dirk Nowitzki ha chiuso con 23 punti e J.J. Barea ne ha aggiunti 20, di cui nove in fila negli ultimi cinque minuti per mettere in ghiaccio la partita. Dall’altra parte non sono bastati i 27 di Brook Lopez e i 18 di Spencer Dinwiddie dalla panchina, sopperendo a un Jeremy Lin uscito dopo soli 7 minuti in campo per una distorsione alla caviglia destra. Dallas rimane ancora in corsa per l’ottavo posto a Ovest distante solo tre partite, ma è attesa da quattro partite casalinghe molto impegnative contro Golden State, Clippers, Toronto e Oklahoma City.

Philadelphia 76ers-Boston Celtics 105-99 — Sfruttando l’assenza di Isaiah Thomas, i Sixers si tolgono la soddisfazione di rimontare 13 punti e battere i Celtics per la prima volta in stagione dopo tre sconfitte. I grandi protagonisti sono Robert Covington e Dario Saric (sempre più convincente nella sua rincorsa al premio di Rookie dell’Anno), autori entrambi di 23 punti con canestri decisivi nel finale, quelli che dall’altra parte non è riuscito a segnare Al Horford dopo aver registrato il massimo stagionale da 27 punti nei primi tre quarti. È stato proprio nell’ultimo quarto che i biancoverdi hanno sofferto l’assenza del loro leader, finendo con 6/24 al tiro negli ultimi dodici minuti e concedendone 29 in difesa, presentandosi così alla sfida di martedì notte contro Washington con solo una partita e mezza di vantaggio per difendere il secondo posto alle spalle di Cleveland.

Detroit Pistons-Phoenix Suns 112-95 — Ci è voluto più del previsto, ma alla fine i Pistons vincono agilmente grazie a un ultimo quarto da 35-20 ai danni dei Phoenix Suns. E dire che gli ospiti erano stati avanti anche di 12 punti nel terzo quarto, prima di subire la rimonta guidata dai 23 con 8 assist di Kentavious Caldwell-Pope e la doppia-doppia da 18+18 di Andre Drummond. Dopo aver già registrato il record di sempre contro Sacramento, i Suns hanno schierato un quintetto ancora più giovane formato da Tyler Ulis (il migliore con 17 punti), Derrick Jones Jr., TJ Warren, Marquese Chriss e Alex Len, con una media inferiore ai 22 anni. Di tutt’altra natura gli obiettivi invece dei Pistons, ora di nuovo in possesso dell’ottavo posto a Est dopo la sconfitta di Miami.

San Antonio Spurs-Sacramento Kings 118-102 — Tutto facile anche per gli Spurs, che pur finendo il primo quarto sotto di 6 punti dopo aver sbagliato 12 dei primi 13 tiri tentati, hanno sbrigato la pratica Sacramento nei due quarti centrali segnando 78 punti e concedendone solo 47, tenendo a riposo Kawhi Leonard per tutto l’ultimo quarto (solo 12 punti per lui) e godendo dei 40 punti in coppia di Aldridge (18) e Gasol (22). Positiva anche la prestazione di un Tony Parker da 16 punti e 7 assist in 20 minuti, mentre per gli ospiti il migliore è stato Willie Cauley-Stein con 18 punti, gli stessi segnati da Buddy Hield che ha aggiunto anche 5 rimbalzi e 5 assist oltre a un positivo Skal Labissiere da 14 in 23 minuti.

New Orleans Pelicans-Minnesota Timberwolves 123-109 — Dopo un normale periodo di rodaggio, pare che la combinazione tra Anthony Davis e DeMarcus Cousins stia iniziando a dare qualche frutto: la vittoria sui T’Wolves è la quarta nelle ultime cinque per i Pelicans, anche se quella precedente era arrivata senza l’ex King in campo. I due lunghi ex Kentucky hanno guidato sei giocatori in doppia cifra finendo con 28+12 (AD, che ha subito un doloroso ginocchio-contro-ginocchio nel finale, ma senza conseguenze) e 15+11 (Boogie), godendo delle grandi serate di Jrue Holiday (21 punti) e il massimo stagionale di Jordan Crawford con 22 in 21 minuti. Poco da fare per i T’Wolves, il cui momento positivo sembra essersi già esaurito: non sono bastati i 33 con 14/27 al tiro di Karl-Anthony Towns e i 25 di Andrew Wiggins, mentre un Ricky Rubio da 10 punti e 14 assist ha sbottato dopo la gara. “In questa trasferta abbiamo giocato come se non ci importasse niente. È una vergogna giocare tre partite come le ultime che abbiamo fatto: erano le gare più importanti di tutta la stagione”.

Toronto Raptors-Indiana Pacers 116-91 — Nel primo dei tre incontri delle prossime due settimane, i Raptors hanno vita facile contro i Pacers e all’intervallo hanno già 17 punti di vantaggio, permettendosi il lusso di tenere a riposo un DeMar DeRozan da 22 punti per tutto il quarto finale. Tutti i giocatori del quintetto dei canadesi hanno chiuso in doppia cifra, mentre dall’altra parte Paul George ha guidato i suoi con 18 punti ma pagando il brutto 41% al tiro di squadra, con Indiana che ha perso l’ottava delle ultime nove partite di regular season contro i Raptors. Si conferma poi la regola che da quasi un mese vede i Pacers alternare una vittoria e una sconfitta senza mai andare in striscia.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche