23 settembre 2017

Finale WNBA, Cecilia Zandalasini a caccia della storia: Gara-1 su Sky Sport 2 e in diretta streaming

print-icon

Le Minnesota Lynx di Cecilia Zandalasini si preparano per Gara-1 delle Finali WNBA contro le campionesse in carica delle Los Angeles Sparks. Appuntamento stasera alle 21:30 su Sky Sport 2 e in streaming eccezionalmente aperto a tutti su skysport.it e sull’app Sky Sport

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DELLA PARTITA

Vent’anni. Tanti ne sono passati da quando nel 1997 Catarina Pollini vinse il titolo WNBA con la maglia delle Houston Comets, la prima italiana a riuscirci nella storia. Cecilia Zandalasini ai tempi aveva solamente un anno e mezzo, ma da domani proverà a ripetere le gesta di Pollini giocandosi le Finali con la maglia delle Minnesota Lynx, che affronteranno le campionesse in carica delle Los Angeles Sparks. Si tratta di una riedizione delle Finals dello scorso anno, quando le losangelene – guidate dall’MVP Candace Parker e un canestro a 3 secondi dalla fine di Nneka Ogwumike – vinsero 3-2 contro le Lynx, campionesse invece un anno prima contro le Indiana Fever. Una serie al meglio delle cinque partite di cui potrete vivere Gara-1 in diretta su Sky Sport 2 HD dalle 21:30 e in streaming eccezionalmente aperto a tutti su skysport.it e sull’app Sky Sport, con il commento di Geri De Rosa e Marco Crespi, CT della nazionale femminile di pallacanestro. “Vincere l’anello da campionessa WNBA sarebbe davvero assurdo, bellissimo” ha dichiarato la “Zanda” in un’intervista esclusiva con Sky Sport in cui ci ha accompagnato in giro per il campo d’allenamento delle Lynx (lo stesso dei T’Wolves della NBA) e per la città di Minneapolis. Nella serie precedente contro le Washington Mystics, la stella della nazionale italiana ha visto il campo per un totale di otto minuti, realizzando il suo primo canestro ai playoff in conclusione di Gara-1 e un assist nell’ultimo possesso di Gara-3 che ha chiuso la serie in favore delle Lynx, che curiosamente hanno sempre vinto il titolo negli anni ultimi dispari (2011-2013-2015). La storia si ripeterà anche nel 2017 prendendosi la rivincita sulle Sparks? Lo scopriremo da domenica sera e poi nei successivi appuntamenti (Gara-2 nella notte tra martedì e mercoledì alle 2 del mattino, Gara-3 nella notte tra venerdì e sabato alle 3:00) sempre su Sky Sport, che trasmetterà tutte le partite delle Finali WNBA 2017.

Il meglio contro il meglio

Non c’è alcun dubbio che Lynx e Sparks siano le due squadre più forti della WNBA: oltre al fatto di aver vinto gli ultimi due titoli, possono vantare quattro delle ultime cinque MVP della lega (rispettivamente Maya Moore e Sylvia Fowles per Minnesota, Candace Parker e Nneka Ogwumike per L.A.) e chiunque vincerà raggiungerà le ormai defunte Houston Comets in cima al palmares di titoli WNBA vinti a quota quattro. Le due squadre, oltre ad aver chiuso con i migliori record (27-7 le Lynx, 26-8 le Sparks) hanno anche dominato la regular season secondo quasi tutte le statistiche avanzate: Minnesota ha chiuso con il miglior rating offensivo della lega, proprio davanti Los Angeles – che si è rifatta chiudendo con il miglior rating difensivo, sempre con le Lynx seconde. Di fatto, le compagne di Zandalasini hanno chiuso con un Net Rating di +14.2, battendo di gran lunga il +10.2 della squadra di Los Angeles – comunque lontanissima rispetto al resto della lega. Inevitabile poi tornare alle Finali dello scorso anno tra queste due supersquadre, decise in un finale concitatissimo con sorpassi e contro-sorpassi negli ultimi 24 secondi, culminati poi con il canestro di Ogwumike a rimbalzo d’attacco. La stessa Ogwumike però, a 1:14 dalla fine, aveva segnato un canestro convalidato pur essendo arrivato dopo lo scadere dei 24 secondi – un errore della terna arbitrale cruciale per l’andamento della gara in un finale così equilibrato. C’è da scommettere che il ricordo di quel canestro sarà ancora bene impresso nelle teste di tutti.

Il sogno WNBA di Cecilia Zandalasini: tutti i video

I PIU' VISTI DI OGGI