Please select your default edition
Your default site has been set

Preseason, Gallinari supera Toronto, Paul e Harden battono Anthony e George

NBA
Danilo Gallinari, 29 anni (foto Getty)
danilo_gallinari

Undici punti per Danilo Gallinari nella vittoria degli L.A. Clippers su Toronto. Gli Houston Rockets della nuova coppia Paul-Harden battono gli OKC Thunder privi di Westbrook ma con 34 punti di Anthony e George. Brooklyn vince il primo derby di New York con 19 punti di D'Angelo Russell, New Orleans perde con Chicago nonostante i 44 di Davis e Cousins. Vittoria per Phoenix a Portland

Oklahoma City Thunder - Houston Rockets 97-104

TABELLINO - HIGHLIGHTS

In contumacia Russell Westbrook, la sfida tra Rockets e Thunder vive degli esordi di Chris Paul (al fianco di James Harden) da una parte e della coppia Carmelo Anthony-Paul George dall’altra. Incoraggianti le prime indicazioni per coach D’Antoni, e non necessariamente per la vittoria: i suoi Rockets segnano 90 punti nei primi tre quarti (fino a quando restano in campo i titolari) e la solita ventina di triple (20/42 dall’arco il dato di squadra). CP3, prima ancora che per gli 11 punti messi a segno, chiude con 7 assist e 0 palle perse, mentre altri 10 assist, insieme a 19 punti, li mette a tabellone James Harden. “Chris Paul lo conosciamo – ha detto “Il Barba” – lo abbiamo visto giocare per gli ultime 12-13 anni ma credo che mai come questa volta abbia tanto spazio attorno a sé, e con il pick and roll e tutti i tiratori sul perimetro il suo gioco sarà più facile che mai”. “Mi sono divertito moltissimo, non ho mai avuto problemi a regalare un tiro smarcato a un mio compagno”, le parole del debuttante col n°3. Sul fronte opposto non ci ha messo molto neppure Carmelo Anthony a presentarsi ai suoi nuovi compagni: tutti dell’ex Knicks, infatti, i primi 10 punti dei Thunder, in una gara chiusa con 19 punti (e 7/13 al tiro) in 20 minuti, mentre George ha contribuito con 15 punti in 26 minuti. “Quando tornerà anche Russell [Westbrook] inizieremo ad avere le idee più chiare su come giocare assieme, è solo questione di ritmo”, le parole dell’ex Pacers.

New York Knicks - Brooklyn Nets 107-115

TABELLINO - HIGHLIGHTS

Se c’è un’indicazione che si può carpire dal primo derby di New York, è che i due padroni delle squadre della Grande Mela sono giovani e in rampa di lancio: sono stati infatti D’Angelo Russell (19 punti in 19 minuti, 7/14 al tiro) e Kristaps Porzingis (15 punti e 5 rimbalzi) a mettere subito in chiaro che quest’anno i leader sulle due rive del fiume Hudson sono loro. A destare particolare impressione è stato l’ex Lakers, capace di guidare una squadra che ha mandato altri sei giocatori in doppia cifra con un eccellente 16/32 da tre. Nell’ultima frazione i Knicks hanno prodotto un parziale di 10-0, con Enes Kanter e Tim Hardaway Jr. che hanno chiuso a quota 17, ma non è stato abbastanza per superare i Nets.

New Orleans Pelicans - Chicago Bulls 109-113

TABELLINO - HIGHLIGHTS

Se i Nets hanno mandato sette giocatori in doppia cifra, i Chicago Bulls hanno fatto ancora meglio addirittura con otto, guidati dai 14+9 di Nikola Mirotic e i 15 di Cristiano Felicio dalla panchina. Pur senza poter contare su Zach LaVine e Lauri Markkanen, la squadra di Fred Hoiberg ha rimontato __ punti di svantaggio prendendo la testa della partita nel terzo quarto e chiudendola nel finale grazie a Antonio Blakeney e Jarell Eddie, che invitati al training camp che si sono tolti la soddisfazione di vincere sul campo di Anthony Davis e DeMarcus Cousins. Le due stelle dei Pelicans hanno combinato per 44 punti (24 il primo e 20 il secondo) con 10 rimbalzi a testa, ispirati dagli 8 assist di Rajon Rondo, ma le riserve non sono riuscite a chiudere la gara nonostante i 16 dalla panchina di E’Twaun Moore.

Portland Trail Blazers - Phoenix Suns 112-114

TABELLINO - HIGHLIGHTS

Vincono in rimonta i giovani Suns con un parziale di 27-9, dopo essere stati sotto 63-46 all’intervallo e resistendo al potenziale canestro della vittoria di Isaiah Briscoe, che si spegne corto. Per Phoenix segnali incoraggianti da T.J. Warren, fresco di rinnovo, e dal rookie Josh Jackson (anche se protagonista di troppe palle perse). Lillard mattatore per Portland nel primo tempo, lascia poi spazio e riflettori ai due rookie Zach Collins e Caleb Swanigan, che dimostrano di poter dare un contributo già da subito per coach Stotts.  

L.A. Clippers - Toronto Raptors 98-84

TABELLINO - HIGHLIGHTS

Dopo la sconfitta di due giorni fa, i Clippers salutano Honolulu prendendosi la rivincita contro i Raptors. Danilo Gallinari ha chiuso con 11 punti e 4 rimbalzi in 24 minuti, tirando ancora male dal campo (2/8 e 1/5 da tre) ma rimediando con 6/6 ai liberi, buono per supportare i 17 di Blake Griffin e i 15+8 di DeAndre Jordan. A strappare applausi con le sue invenzioni è stato però Milos Teodosic, partito per la prima volta in quintetto e autore di passaggi incredibili a tutto campo e dietro la schiena che hanno fatto impazzire il pubblico delle Hawaii. Dalla parte dei Raptors, complice l’assenza di Kyle Lowry, è stato ovviamente DeMar DeRozan a guidare la squadra con 15 punti in 23 minuti, seguito dai 13 di Fred VanVleet e gli 11 di Jonas Valanciunas.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche