Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Antetokounmpo dice 34, ma i Cavs di James vincono ancora

NBA

La stella dei Bucks chiude con 34 punti, 8 rimbalzi e 8 assist, ma ad avere la meglio sono i Cleveland Cavs guidati da 24 e 8 assist di LeBron James. Derrick Rose esce per una distorsione alla caviglia e si lamenta con gli arbitri

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Giannis Antetokounmpo avrà anche messo nel mirino il titolo di MVP, ma per riuscire a raggiungerlo dovrà affrontare e superare una per una tutte le superstar della lega, oltre a guidare la propria squadra alla vittoria. Dopo aver battuto i Boston Celtics di Kyrie Irving a domicilio, la giovane stella di Milwaukee ha confezionato un’altra grande prestazione con 34 punti (15/22 dal campo), 8 rimbalzi, 8 assist e 3 recuperi con solo 2 palle perse, ma questa volta si è dovuto inchinare davanti all’esperienza di LeBron James e dei Cleveland Cavaliers. Il quattro volte MVP ha guidato i suoi con la “classica” prestazione da 24 punti e 8 assist con 10/16 dal campo, armando la mano di un Kyle Korver da 17 punti e 5/6 dall’arco, decisivo nel parziale di 15-5 nel terzo quarto che di fatto ha deciso la gara col punteggio finale di 116-97. A dar loro man forte è stato un solido Kevin Love da 17 punti, 12 rimbalzi e 6 assist (pur tirando male con 5/12, ma procurandosi curiosamente 5 tiri liberi in un possesso: due per un flagrant, uno per difesa illegale e altri due per fallo su tiro) e altri tre giocatori in doppia cifra, tra cui Derrick Rose che però è dovuto uscire a inizio ultimo quarto per un infortunio alla caviglia provocato da un fallo di Greg Monroe — che a parere dell’ex MVP era da flagrant, visto che è stato agganciato a mezz’aria all’altezza del collo e della testa. Rose salterà la partita di stanotte contro gli Orlando Magic, lasciando le redini a José Calderon. “Penso di essere l’unica persona in tutta la lega a non ricevere un flagrant per un fallo come quello” ha commentato dopo la gara, anche se la distorsione non dovrebbe richiedere neanche la risonanza magnetica o un controllo ai raggi x. (Nella giornata successiva la NBA ha effettivamente dichiarato come flagrant il fallo di Monroe)

Giannis impressiona

Nonostante la sconfitta, i Cavs non hanno potuto fare a meno di rimanere impressionati dal talento di Giannis Antetokounmpo, sopra i 30 punti per la seconda volta consecutiva mentre solo uno dei suoi compagni (Malcolm Brogdon con 16) ha superato la doppia cifra in una serata da 11/35 dall’arco di squadra. “La cosa che impressiona di Giannis è che non si accontenta mai” ha commentato coach Tyronn Lue. “Puoi fare un passo indietro, ma continua ad attaccarti senza sosta. E se gli stai troppo vicino, va via in palleggio e quando arriva in area è più forte fisicamente di quanto gli si dia credito. Sposta la gente con il corpo ed è eccellente nel chiudere l’azione nei pressi del ferro. Penso che abbiamo fatto un buon lavoro su di lui stasera, ma poi alzi la testa e ne ha comunque segnati 34”. Rimane comunque un’ottima vittoria per i Cavs su un campo dove hanno fatto fatica nel recente passato, superando anche il 2/10 con cui avevano tirato nel primo tempo prima di trovare ritmo dall’arco nella ripresa. Ora li attendono sei gare contro avversari che probabilmente non faranno i playoff (Magic, Bulls, Nets, Pelicans, Knicks e Pacers), prima di una gara contro Washington che si preannuncia come molto interessante.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche