Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, tripla doppia di DeMarcus Cousins, Cleveland ancora ko a New Orleans

NBA

Terza sconfitta in quattro gare per i vice-campioni NBA, dominati dai 29 punti con 12 rimbalzi e 10 assist dell'ex lungo di Sacramente e dai 30 punti di Anthony Davis. Decisivo il parziale di 34-18 nell'ultimo quarto, con LeBron James in panchina

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

“Diventeremo una squadra speciale. Non è soltanto una sensazione. Lo sappiamo”. Le parole che escono dalla bocca di Anthony Davis al termine della convincente vittoria 123-101 contro i Cleveland Cavaliers sono qualcosa di nuovo per la stella dei Pelicans, a lungo lasciato troppo solo in passato a predicare nel deserto della Lousiana. I suoi 30 punti, 14 rimbalzi e 3 stoppate al rientro dall’infortunio non sono certo una novità per coach Gentry e per i suoi compagni, ma lo sono la presenza di un supporting cast capace di assecondare gli sforzi del n°23. E qualcuno addirittura superarli, come nel caso di DeMarcus Cousins, autentico protagonista di una serata chiusa in tripla doppia con 29 punti, 12 rimbalzi e 10 assist. Si tratta solo della quarta volta nella storia della NBA che un giocatore fa seguire a una prestazione da 40+20 (punti e rimbalzi, nel suo caso) una tripla doppia nella gara successiva. Gli altri? Wilt Chamberlain, Oscar Robertson ed Elgin Baylor. “Mi diverto a vincere. Voi no?”, ha chiesto divertito il lungo ex Sacramento ai giornalisti nel post-partita. “Abbiamo vinto di squadra [tirando il 53% dal campo, ndr]. Stiamo iniziando a capire cosa ci vuole per vincere certe partite, e oggi sentiamo di poter competere contro tutti”. E quando Cousins dice che la vittoria è stata di squadra, lo dice a ragione: per la prima volta nella storia della franchigia, New Orleans ha contato tre giocatori con 29 o più punti, perché alla coppia di ex Kentucky Wildcats si è aggiunto anche uno scatenato Jrue Holiday (29 con 12/17 al tiro e 9 assist). Ciliegina sulla torta i 24 con 10/13 dal campo di E’Twaun Moore, in quintetto al posto di Rajon Rondo (ancora infortunato), capace di segnare i primi cinque tiri della sua gara (tre dei quali da tre punti) firmando così il primo break della gara, che ha portato i Pelicans sul 40-27 all’inizio del secondo quarto. 

Cleveland: frustrazione ma niente panico

Un terzo quarto favorevole agli ospiti (31-24) con un Kevin Love caldissimo dalla lunga distanza (3/3 dall’arco e 11 dei suoi 26 punti, altri 9 aggiunti da LeBron James) riporta in partita i Cavs (-6 sull’89-83) ma l’ultimo periodo è tutto a favore dei Pelicans, che tirano oltre il 57% dal campo e sfiorano il 54% (7/13) da tre punti, contro il misero 2/11 dei tiratori di Cleveland. Il parziale degli ultimi dodici minuti è un impietoso 34-18 e spicca la presenza in campo di LeBron James (18 punti, 8 assist e 3 rimbalzi per lui, con solo 6/11 al tiro) per soli 6 secondi. Per i Cavs si tratta della terza sconfitta nelle ultime quattro gare (e la settima consecutiva contro i Pelicans a New Orleans) nonostante il rientro in rotazione di Dwyane Wade. Per “Flash” 15 punti in 23 minuti dalla panchina, un ruolo a lui poco usuale ma che giura di aver accettato: “Mi piace, coach Lue mi vuole spesso con la palla in mano, ad attaccare il canestro, come piace fare a me”. Un momentaccio, per la squadra vice-campione NBA, i cui giocatori però cercando di ostentare ancora tranquillità: “Siamo tutti molto frustrati, sappiamo di dover migliorare molto ma non è il momento di lasciarsi prendere dal panico”, le parole di Kevin Love. “Prima o poi ci stuferemo di essere una squadra da 50%, dobbiamo trovare più continuità”. A partire dalla prossima gara, in casa contro i New York Knicks: un’altra sconfitta sarebbe inaccettabile. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche