Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, gira a mille l'attacco di Minnesota, i Lakers cedono nel quarto quarto

NBA

I Timberwolves mandano a referto un quarto quarto da 38 punti e chiudono la gara tirando oltre il 58% dal campo e sfiorando l’83% nell’area dei tre secondi: a Los Angeles – senza Lonzo Ball e Brandon Ingram – non bastano i 31 punti di Kyle Kuzma

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Los Angeles Lakers-Minnesota Timberwolves 104-121

TABELLINO

Difficile, se non impossibile, vincere quando si concede agli avversari oltre il 58% al tiro e se ne accorgono i Lakers, che arrivati in sostanziale parità al via del quarto quarto (83-80 per Minnesota il parziale), concedono agli ospiti 38 punti negli ultimi dodici minuti arrendendosi così ai Timberwolves, che mandano a libri la loro prima vittoria natalizia nella storia della franchigia. Il dominio degli ospiti è evidente soprattutto sotto canestro: Karl Anthony Towns e Jimmy Butler combinano per un perfetto 11/11 al tiro nel pitturato, e la percentuale di squadra da sotto sfiora uno stellare 83%. Dopo che un canestro di Julius Randle porta addirittura in vantaggio 84-83 i Lakers all’inizio dell’ultimo periodo, sono 12 punti in fila messi tutti a segno dalla coppia Towns-Jamal Crawford a segnare i destini della partita: per il lungo di Kentucky alla fine ci sono 21 punti con 10 rimbalzi, 23 a testa li portano in dote sia Jimmy Butler (con 8 assist) che Taj Gibson (con 9 rimbalzi) e 19 dalla panchina li mette l’eterno Jamal Crawford, per la quarta vittoria consecutiva della squadra allenata da Tom Thibodeau. I Timberwolves cercano una prima fuga nella gara già nel secondo quarto, ma il vantaggio in doppia cifra è quasi completamente annullato dal parziale di 22-13 con cui L.A. chiude il primo tempo, sotto solo di un punto. 

Kuzma primo rookie a quota 30 a Natale da LeBron James

I Lakers – che devono rinunciare sia a Lonzo Ball (spalla) che a Brandon Ingram (quadricipite) – sono tenuti in gara soprattutto dalla grandissima gara di Kyle Kuzma: suoi 10 dei primi 14 punti dei Lakers, per una prestazione complessiva da 31 punti con 6 triple a segno: il n°0 gialloviola diventa così il primo rookie dei Lakers dai tempi di Magic Johnson nel 1980 a toccare quota 30 punti per tre volte in stagione e anche solo la quinta matricola oltre i 20 negli ultimi 25 anni di gare natalizie (Jayson Tatum contro Washington nella terza gara di giornata, ma prima solo Tim Hardaway Jr., Kevin Durant e LeBron James). A Los Angeles non bastano i 17 di Jordan Clarkson e i 16 con 7 rimbalzi dalla panchina di Julius Randle per evitare il terzo ko consecutivo, il sesto nelle ultime sette gare disputate. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.