15 aprile 2018

NBA, Davis travolge Portland: successo per New Orleans in trasferta in gara-1

print-icon

Successo importantissimo dei Pelicans, che si prende il fattore campo grazie ai 35 punti, 14 rimbalzi e quattro stoppate di Anthony Davis, a cui si aggiunge il contributo dei vari Holiday, Rondo e Mirotic. Portland adesso dovrà vincere almeno una sfida a New Orleans

CLICCA QUI PER IL TABELLINO COMPLETO DEL MATCH

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Portland Trail Blazers-New Orleans Pelicans 95-97

L’unica vittoria esterna della prima notte di playoff NBA è quella raccolta a Portland da New Orleans, abile nel farsi trovare più pronta alla palla a due e poi a sfruttare il vantaggio accumulato nel terzo quarto. L’uomo copertina è Anthony Davis, autore di un’altra super prestazione chiusa con 35 punti, 14 rimbalzi e quattro stoppate, giocando con irrisoria facilità contro qualsiasi tipo di avversario si sia ritrovato ad affrontare. Nurkic, Collins, Ed Davis: tutti respinti con perdite. Felice di godersi e festeggiare la sua prima vittoria in carriera ai playoff, Davis chiude con un bottino superiore ai 25 punti per la quinta volta consecutiva in post-season (ossia in tutte la gare finora disputata in carriera), raggiungendo così un esclusivo club composto da Kareem Abdul-Jabbar (che ne mise in fila 14 da debuttante), LeBron James (6), Wilt Chamberlain (5) e Earl Monroe (5). A fare la differenza però è stato anche il supporting cast, in grado di garantire varie alternative al n°23 in attacco, sigillando la difesa e compiendo un lavoro clamoroso nel contenere Lillard e McCollum. Senza le loro fiammate, per New Orleans è facile fare gara di testa e volare anche sul +19 nel terzo quarto. A fine primo tempo infatti il backcourt dei Blazers combina per un irrituale 1/15 dal campo. Una tripla di Lillard a inizio gara e niente più per oltre 20 minuti. Merito della difesa di Jrue Holiday, la chiave della sfida a protezione del ferro, come dimostrato anche dall’azione conclusiva della gara. Portland infatti, dopo aver ritrovato la via del canestro, torna a un solo possesso di distanza dagli ospiti, pronta a giocarsi una rimessa dal fondo che potrebbe valere il -1. La difesa dei Pelicans perde l’uomo sul cambio e il taglio che mette Pat Connaughton a tu per tu con il ferro: il n°5 salta indisturbato, ma a fare la voce grossa alle sue spalle ci pensa proprio Holiday, che inchioda la stoppata e la giocata simbolo del successo di New Orleans.

Il supporting cast dei Pelicans: Mirotic, Holiday e Rondo sugli scudi

Non solo tante piccole cose (che spesso fanno vincere le partite), ma anche punti e cifre che pesano come un macigno. A fine gara sono 16 punti, con 11 rimbalzi e quattro triple per Nikola Mirotic, diventato ormai imprescindibile nelle logiche di New Orleans per allargare il campo e fare spazio in area a Davis. Ai suoi si aggiungono i 21 di Holiday, che a tempo perso è riuscito anche a incidere in attacco; spesso imbeccato come tutto il resto dei Pelicans da “playoff Rondo”. La point guard ex Boston Celtics è tornata ancora una volta indietro nel tempo, mettendo in campo la migliore versione di sé come spesso accade quando a metà aprile si inizia a fare sul serio. Rondo chiude con sei punti, otto rimbalzi e ben 17 assist; il modo migliore per nascondere le solite pecche difensive, che tuttavia questa volta non hanno cambiato il risultato. Portland ha avuto il grande merito di riportarsi a contatto, nonostante l’attacco non ne abbia proprio voluto sapere: alla sirena i Blazers raccolgono il 37% dal campo e il 30% dalla lunga distanza di squadra. Contro un avversario insidioso come New Orleans, sono cifre che non puoi permetterti.

La stoppata di Holiday che ha deciso il match

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi