Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA 2018, Milwaukee-Boston 104-102: decide Antetokounmpo a 5 secondi dalla fine

NBA

Boston tira con il 30% e segna solo 35 punti nel primo tempo, finendo anche a -20 nel terzo quarto. Poi però i Celtics annullano tutto il vantaggio dei Bucks e la gara si decide solo negli ultimi secondi: decisivo un tap-in di Antetokounmpo (27 punti per il greco) a 5 secondi dalla sirena

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

CLICCA QUI PER IL TABELLINO

Milwaukee Bucks-Boston Celtics 104-102

Il primo tempo

Parte su giri alti la difesa di Boston, che costringe i Bucks a sbagliare 9 dei primi 10 tiri della gara per il 12-5 degli ospiti dopo i primi sette minuti del primo quarto: non fa particolarmente meglio l’attacco dei padroni di casa, che sprecano l’occasione di costruire un vantaggio più considerevole (5/17 nello stesso periodo), in un inizio di gara che offensivamente è tutt’altro che indimenticabile. Così, quando si sveglia Milwaukee, basta un parziale di 6-0 siglato da Giannis Antetokounmpo e Malcolm Brogdon a riportare la gara in sostanziale parità (12-11 Boston, che sbaglia sette tiri in fila). L’ingresso in campo di Thon Maker dà subito una scossa ai Bucks: canestro da una parte, recupero difensivo su Greg Monroe dall’altra, e lo stesso vale anche per Jabari Parker, subito protagonista con 5 punti consecutivi per il 18-14 dei padroni di casa. Il primo parziale finisce con 4 punti in 1.2 secondi dei Bucks, a canestro prima con Khris Middleton e poi con Matthew Dellavedova che riesce a scippare il pallone sulla sciagurata rimessa di Boston e inventarsi sulla sirena il canestro del 24-17. Milwaukee torna in campo dopo il primo mini-break ancora calda: allunga il parziale a 12-0 con i primi sei punti del secondo quarto, portando il vantaggio sul +13 (23-5 il parziale complessivo a cavallo tra il primo e il secondo periodo). I Bucks mantengono il controllo della gara grazie alle giocate di Giannis Antetetokounmpo e Jabari Parker e approfittano della carestia offensiva dei Celtics, le cui percentuali di tiro non riescono a superare il 30% e che hanno in Jaylen Brown il solo giocatore in doppia cifra alla fine del primo tempo (15 punti con 5/12 al tiro) e l’unico determinato ad attaccare aggressivamente il canestro avversario. I padroni di casa rispondono con tre giocatori in doppia cifra (anche i 13 di Khris Middleton oltre ad Antetokounmpo e Parker) e con percentuali molto migliori, ma proprio come in gara-3 a far differenza è la panchina, che guidata proprio da Parker straccia la controparte avversaria 22-6. Il primo tempo si chiude sul 51-35 per i padroni di casa, che sfruttano al meglio il peggior tempo sotto canestro (sotto il 24% al tiro da sotto, 5/21) di tutta la stagione di Boston. 

Il secondo tempo

Boston prova a rifarsi un po’ sotto dopo essere scivolata anche a -20 (65-45) in apertura del terzo quarto, confezionando un parziale di 8-0 che li riporta a – 12 e poi anche a -6 a meno di due minuti dalla fine del periodo dopo una tripla dall’angolo di Jayson Tatum – che finalmente si mette sul radar dopo un primo tempo parecchio opaco con un quarto da 11 punti – seguita da un canestro da tre punti del solito Brown (24 per lui all’ultimo stop). È di 20-6 il break dei Celtics, arrestato però da due canestri importanti di Parker e Middleton, che riescono a mantenere il vantaggio dei Bucks a 8 punti alla sirena del terzo quarto. È un vantaggio che non può lasciare tranquilla la squadra del Wisconsin visto che in stagione Boston ha già rimontato 5 volte un vantaggio di 15 o più punti nel secondo tempo, dato che li mette al primo posto nella lega (al pari dei Pelicans). Una tripla di Jaylen Brown dopo solo un minuto e mezzo dell'ultimo quarto riporta lo svantaggio dei Celitcs a un singolo possesso offensivo (-3 sul 75-72), costringendo coach Prunty a chiamare un pronto time-out. A nove minuti dalla fine l’aggancio degli ospiti si completa, ma Thon Maker con un’altra tripla (la seconda della sua gara) e un paio di stop difensivi ridà il vantaggio ai Bucks. Sceglie un bel momento per farsi notare Eric Bledsoe, che segna 7 punti in fila e riporta i suoi al +5 sul 90-85 a circa cinque minuti dalla fine ma è una schiacciata incredibile di Antetokounmpo sulla testa di Al Horford a mandare in visibilio i 18.717 del Bradley Center e dare il +7 ai padroni di casa solo un minuto dopo. A 90 secondi dalla fine Jaylen Brown segna la quinta tripla della sua serata da 34 punti per riportare i suoi a -1 e sul possesso successivo è l’altro grande giovane di squadra, Jayson Tatum (che chiude a quota 21), a insaccare il jumper che segna il sorpasso dei Celtics, davanti 100-99 a 52 secondi dalla fine. È un finale al fotofinish, con il rookie dell’anno 2017 Malcolm Brogdon che non trema quando c’è da infilare la tripla del +2 Bucks dall’angolo quando manca meno di mezzo minuto. Nel possesso decisivo, l’errore di Brogdon è corretto dal tap-in decisivo di Giannis Antetokounmpo, che tocca quota 27 e porta i suoi sul 104-102 (4/4 per lui sui tiri del sorpasso negli ultimi 20 secondi di quarto quarto o overtime). L’ultimo tiro i Celtics lo affidano a Marcus Morris che trova però solo il ferro: i Bucks impattano la serie sul 2-2, trascinati oltre che dal greco n°34 anche dai 23 punti di Khris Middleton, dai 16 di Jabari Parker e dai 10 fondamentali di Brogdon. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche