Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, James Harden e la sua particolare esultanza dopo una schiacciata

NBA

Mano sul viso a sfiorare il naso con l’aria preoccupata di chi sta tamponando una ferita. Quando accade,non preoccupatevi, non è successo nulla di grave; è soltanto il Barba che prende in giro gli avversari a modo suo

“Ma che fa? Non mi dire che ha preso una botta e si è fatto male anche lui?!?”. Lo abbiamo pensato (quasi) tutti, assonnati e frastornati dal parziale Rockets realizzato nel primo tempo di una gara-7 poi persa malamente dai texani. Una Houston che deve rinunciare a Chris Paul, che trova forze insperate in comprimari che scoprono di poter essere protagonisti; il tutto saggiamente orchestrato dal Barba (14 punti nel solo primo quarto), sembra essere la premessa perfetta a un avvicendamento alle Finals NBA. Il momento di massimo splendore nel match dei Rockets arriva a metà secondo quarto: palla prevedibile in attacco da parte degli Warriors, Harden che si lancia sulla linea di passaggio, ruba e vola a schiacciare in contropiede con grande forza. Il Toyota Center salta in aria come i fuochi d’artificio a Capodanno, mentre Harden atterrato poco più in là rispetto al ferro inizia a toccarsi il naso. Faccia seria, sguardo perso in avanti: niente braccia alzate in segno di giubilo, ma un palmo che accarezza la barba e tampona il viso. Un giochetto già fatto altre volte dal n°13 di Houston, che nella serie contro gli Utah Jazz ad esempio era decollato sulla testa di Derrick Favors in gara-2, facendo poi l’oscuro gesto. Una mossa provata anche al primo turno contro Minnesota, quando la vittima fu ripetutamente Karl-Anthony Towns (che non fece mai nulla di molto convincente per impedirgli di andare a schiacciare) e che portò a lungo le telecamere a indugiare su di lui anche decine di secondi dopo la giocata. In conferenza stampa, dopo la sfida vinta con i Jazz, un giornalista gli chiese il senso del suo gesto e Harden rispose semplicemente scuotendo la testa, incrociando lo sguardo con Chris Paul seduto al suo fianco e poi ridacchiando in attesa della domanda seguente. La spiegazione più plausibile arriva in telecronaca su Sky Sport da Matteo Soragna: vuole far credere a tutti di essere andato così in alto a schiacciare che è andato a sbattere contro il ferro del canestro. “Neanche il beneficio del dubbio”, sottolinea Francesco Bonfardeci al suo fianco. È così, come confermato da CP3 che lo imita in panchina prima del timeout. L’ultima messa in scena dei playoff dei Rockets, duri a morire nonostante i tanti infortuni che ne hanno messo a dura prova la resa. Quelli veri, non simulati.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche