Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals: coach Lue e l’ipotesi Rodney Hood: "Può tornarci utile in gara-2"

NBA

Scomparso sul fondo della panchina dei Cavs, Rodney Hood sta pagando a caro prezzo il rifiuto di entrare in campo a gara vinta contro i Raptors in semifinale playoff. Cleveland potrebbe avere bisogno di lui, che non dovrà farsi sfuggire l'occasione di mettersi in mostra

In una squadra dal roster ridotto e a caccia di spunti e novità per mettere in difficoltà gli Warriors in gara-2, a Cleveland in molti si domandano: ma che fine ha fatto Rodney Hood? Arrivato a febbraio nel giorno della rivoluzione del roster, i Cavs che speravano potesse diventare letale dall’arco, lo hanno via via accantonato con il passare delle settimane e a seguito del declino del suo impatto. Hood ha comunque giocato 14 delle 19 partite disputate dai Cavaliers in questi playoff, anche se il suo ruolo è oggettivamente diventato marginale dopo l’inizio delle finali di conference. Dopo il rifiuto di entrare in campo contro Toronto in gara-4 a sfida e serie già ampiamente decisa, l’ex giocatore dei Jazz è lentamente sprofondato sul fondo della panchina, senza trovare più spazio e minuti sul parquet. L’allenatore dei Cavaliers però nelle ultime ore non ha escluso l’ipotesi che possa tornare utile nelle prossime sfide contro Golden State: “Rodney sta lavorando duro in allenamento, ha avuto il suo spazio durante il primo turno. Sta facendo di tutto per ritagliarsi il suo spazio e a breve avrà le sue opportunità. Gli ho sempre detto di tenersi pronto, ho parlato tanto con lui, nonostante contro Golden State non sia sceso in campo e non abbia avuto molti minuti contro Boston. Non è una questione di schemi, è stato soltanto penalizzato dal fatto che a metà stagione è stato catapultato in una situazione diversa da quella che era abituato a vivere con i Jazz. È un grande talento e avremo bisogno di lui: avrà le sue chance per mettersi in mostra”. Parole di incoraggiamento nonostante le cifre risibili e trascurabili raccolte nell'ultimo mese: Hood sta viaggiando a 4.6 punti di media ai playoff, tirando con il 41% dal campo e un modesto 15.8% dall’arco. Cifre che andranno cambiate drasticamente per provare a invertire la tendenza (e il suo minutaggio).

Ai Jazz fondamentale, ai Cavaliers marginale: "Così è dura da accettare"

Il testa-coda nella stagione di Hood è stato da capogiro. Partito come mai prima in carriera ai Jazz, è stato catapultato nel giro di poche ore dall’altra parte degli States, in un gruppo nuovo e con una data di scadenza in bella mostra: 30 giugno 2018, la fine del contratto di LeBron James con i Cavaliers. A Salt Lake City, Hood a 25 anni aveva trovato la quadra, sbocciando definitivamente in quella che fino a quel punto era stata la miglior stagione della sua carriera: 16.8 punti di media con il 38.9% dall’arco. Senza Gordon Hayward serviva anche il suo passo in avanti. All’esordio al TD Garden con la nuova maglia poi, i Cavaliers rovinarono la festa per il ritiro della maglia di Paul Pierce anche grazie al suo contributo: 15 punti, 6/11 al tiro e Celtics travolti. “Eravamo pieni d’energia quel giorno – racconta Hood -, è stata una di quelle partite in cui le cose accadono senza star lì a pensare. Eravamo eccitati all’idea di essere in un nuovo gruppo, ma nei giorni seguenti abbiamo dovuto iniziare a fare i conti con quello che dovevamo essere”. In poco tempo si è così ritrovato a essere il giocatore meno utilizzato del roster (Kendrick Perkins a parte): “È la prima volta nella mia carriera che un allenatore ha scelto di non farmi scendere in campo. Se guardo indietro ai miei giorni ai Jazz, rivedendo gli highlights su Youtube, ricordo a me stesso: ‘Questo doveva essere il mio anno’”. È dura capire quanto sia assurdo passare dall’essere fondamentale in un posto al diventare marginale in un altro: Hood ha fatto i bagagli all'improvviso, portandosi dietro una moglie incinta di due gemelli e all'ottavo mese di gravidanza. Una corsa contro il tempo in Ohio, una delle tante controindicazioni di una lega come la NBA che non fa prigionieri: "È stato molto duro per me: perdere una partita a Cleveland vuol dire che tutto il mondo sta per crollarti addosso. Quando vinciamo invece, diventiamo i migliori. Non è facile convivere con tutto questo. Adesso però ho capito che non è questione di tre, sette o 20 minuti: appena verrò chiamato in causa, dimostrerò di essere utile".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche