Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i risultati della notte: Denver batte OKC, Jokic da MVP. Sorridono i Knicks

NBA

L'All-Star dei Nuggets è dominante e chiude con 36 punti, dieci rimbalzi e nove assist una partita che Denver vince due volte dopo la rimonta a inizio quarto periodo di OKC. New York bissa il successo in casa e supera gli Orlando Magic grazie alla panchina

BOSTON, CHE SBERLA: I CELTICS CROLLANO A TORONTO

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

Denver Nuggets-Oklahoma City Thunder 121-112

“MVP, MVP, MVP”. Nikola Jokic è in lunetta, mancano meno di due minuti alla sirena finale è il peggio è passato. Denver si tiene stretta una vittoria che aveva rischiato di perdere, riacciuffata neanche a dirlo grazie alle prodezze del lungo serbo, omaggiato dal pubblico di casa con un canto che spesso è risuonato anche nelle orecchie di Russell Westbrook e Paul George. Fallisce l’assalto dei Thunder al secondo posto dei Nuggets, che si allontanano e salgono a ben quattro partite di distanza da OKC; blindando a meno di sorprese un secondo posto che regala al Denver il fattore campo e la certezza di non incrociare Golden State nei primi due turni playoff. Un bel lusso, così come potersi godere un talento come Jokic sul parquet; autore di 36 punti, dieci rimbalzi e nove assist, dominante anche contro un rivale di primissimo livello come Steven Adams (che ne mette 13 nel primo tempo e soltanto due nella ripresa). OKC subisce il colpo nel secondo quarto, tiene botta nel terzo e poi piazza il parziale nell’ultimo: sembra finita e invece 22-6 per i Thunder che si prendono un possesso pieno di vantaggio a cinque minuti dalla sirena. Merito di un Jerami Grant da 21 punti e 9/12 al tiro e di un raro momento di precisione di George, che chiude con 7/24 dal campo e 3/14 dall’arco. Westbrook invece è più efficace: 22 punti, 14 rimbalzi e nove assist, è lui a rispondere colpo su colpo al duo Jokic-Murray. Il n°0 di OKC però perde due palloni pesanti nel finale, permettendo a Denver di prendere prima due e poi tre possessi di vantaggio. Troppi per sperare di tornare di nuovo a contatto. Meglio iniziare a voltarsi indietro e preoccuparsi della risalita dei Blazers, a una sola gara di distanza da OKC.

New York Knicks-Orlando Magic 108-103

Ci hanno preso gusto i Knicks, che vincono ancora e battono anche i Magic in casa, bissando il successo ottenuto con gli Spurs e scacciando definitivamente via le 18 sconfitte casalinghe consecutive. Nella rotazione esasperata e continua di giocatori fatta da coach Fizdale, i numeri vincenti per New York questa volta arrivano dalla panchina, con Emmanuel Mudiay e Mitchell Robinson alla guida di un supporting cast chiude mettendo a segno 75 dei 108 punti totali dei Knicks. Orlando invece ne raccoglie soltanto sette a gara in corso e recrimina per una sfida che sembrava vinta dopo che i 26 punti a testa di Nikola Vucevic e Aaron Gordon avevano regalato anche 16 lunghezze di vantaggio agli ospiti. I Magic entrano nel quarto periodo sul +12, ma ne escono con le ossa rotte da un 30-13 di parziale molto diverso dallo sforzo che in molti avrebbero immaginato da parte di una squadra che punta ai playoff. Robinson chiude con 17 punti, 14 rimbalzi, sei stoppate e tre recuperi: numeri che non si vedevano nel boxscore di un rookie dai tempi di Ralph Sampson (1984) e David Robinson (1989). Un'altra buona notizia in una serata finalmente positiva in casa Knicks.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.