Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, e se LeBron James fosse un problema (in difesa) per i Lakers? "Sfidatemi pure"

NBA

Le ultime prestazioni a protezione del ferro del n°23 gialloviola hanno fatto discutere; distratto per quasi tutta la gara, spesso battuto dal palleggio e mai in aiuto dei compagni: "Se gli altri vogliono possono provare l'uno contro uno con me. Vediamo come va a finire"

LONZO BALL, SI ALLUNGANO I TEMPI DI RECUPERO

RONDO A COLLOQUIO CON WALTON, IN CAMPO CI PENSA LEBRON

Nella complicata e paradossale stagione dei Lakers, alcuni sono arrivati a domandarsi contro ogni logica (apparente): “E se il problema dei gialloviola fosse LeBron James?”. Un’ipotesi assurda se posta in questi termini, ma che trova parziale riscontro nell’atteggiamento difensivo tenuto spesso e volentieri dal n°23 gialloviola per buona parte della partita. Arrivato a 34 anni, James conosce bene il modo in cui centellinare le energie nella sua 16^ stagione NBA, ma i conti non sempre tornano. La sfida contro Memphis – una sconfitta dolorosa, nonostante la tripla doppia di LeBron – ha messo in evidenza come le scelte del n°23 a protezione del ferro condannino la sua squadra: mancate rotazioni, aiuti soltanto accennati, scivolamenti mai compiuti realmente. E così i lunghi avversari hanno metri di spazio sul perimetro per tirare con tranquillità, gli esterni non incontrano alcun tipo di resistenza quando si buttano dentro e anche gli attacchi più farraginosi trovano il modo di andare con continuità a segno. Alla fine i Grizzlies hanno fatto i propri comodi nell’area gialloviola, per colpa (anche) di LeBron: “Non mi preoccupo delle critiche, quel genere di commenti non mi hanno mai toccato – commenta dopo il successo contro New Orleans - Amo stare sul parquet, giocare e combattere: i miei compagni di squadra lo sanno bene e questa è l’unica cosa che conta. Ciò che mi motiva e mi spinge a migliorare è la voglia di aiutare il gruppo a vincere ogni partita”. Davvero si può pensare che un giocatore di quel livello possa diventare un problema?

La sfida lanciata al resto della Lega: “Attaccatemi pure in difesa”

“Intendiamoci – prosegue James, chiaramente toccato dalla critica - ogni squadra ha il diritto di scegliere di sfidarmi in uno contro uno in difesa. Venite, io sono qui che vi aspetto. Ascolta, qualsiasi avversario può pensare guardando il campo: ‘Oh, c’è LeBron sul parquet”. E poi decidere di attaccarmi in isolamento… Fate pure così e poi vedremo come vanno a finire le cose. Se le squadre hanno intenzione di forzare il cambio su di me con un giocatore più piccolo, di costringermi a difendere su una guardia, il mio avversario potrebbe poi riuscire a segnare. Stiamo sempre parlando di giocatori NBA, il mio obiettivo è quello di rendergli la vita difficile. L’ho fatto su Julius Randle per tutta la sera ed è sotto gli occhi di tutti la sua super prestazione (cosa che non depone a suo favore, ndr) e allo stesso modo ho dato filo da torcere a Holiday quando mi è toccato difendere su di lui”. La giocata che è rimasta negli occhi di tutti infatti è quella che a meno di 90 secondi dalla sirena ha deciso la gara: Ingram che cambia con LeBron dopo il blocco di Randle, Holiday che prova ripetutamente ad attaccarlo invano dal palleggio. Lo scarico su Miller e il pallone che torna di nuovo nelle mani della point guard dei Pelicans: i continui cambi di direzione non fanno vacillare James, contro cui Holiday va a sbattere. Niente fallo, ma palla persa con Reggie Bullock pronto a prendersela e a portarla dall’altra parte. In attacco poi il contributo di LeBron non è mai stato messo in discussione: tripla dall’angolo fuori equilibrio dopo aver quasi perso il pallone. Il sigillo sul successo dei Lakers. “È uno scherzo della natura, può fare letteralmente ciò che vuole – racconta Holiday – può marcare chiunque, giocatori di qualsiasi stazza o dimensione. Il suo contributo è enorme, anche perché atleticamente è uno dei più duttili della Lega. Pensi di essere veloce? Se provi a batterlo te lo ritrovi al ferro pronto a stopparti. E in attacco poi si carica tutti sulle spalle e per questo deve inevitabilmente tirare il fiato ogni tanto in difesa. Con tutto quello che fa, non è certo una cosa su cui si può recriminare”. Qualcuno invece ha pensato a suo rischio e pericolo di stuzzicarlo anche su quello. Auguri a chi dovrà vedersela contro di lui in futuro.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.