Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Kevin Durant sconvolto dalla morte di un suo amico di infanzia, ucciso ad Atlanta

NBA

Kevin Durant e Cliff Dixon erano cresciuti assieme, nella zona di Washington, a 10 minuti uno da casa dell'altro. L'ex giocatore di Western Kentucky è stato ucciso fuori da un nightclub di Atlanta mentre si apprestava a festeggiare i suoi 32 anni

GOLDEN STATE LIQUIDA DENVER E RESTA PRIMA A OVEST

A poche ore dalla gara contro gli Indiana Pacers, Kevin Durant è stato raggiunto dalla notizia che uno dei suoi migliori amici – Cliff Dixon, 32 anni, ex giocatore per 2 stagioni a Western Kentucky nella NCAA – è stato ucciso fuori da un nightclub di Atlanta, mentre si apprestava a dare il via al party per i suoi 32 anni. Durant e Dixon – ma anche un altro membro degli Warriors, Quinn Cook – erano cresciuti assieme nella zona di Washington, D.C. (Durant è di Seat Pleasant, Dixon di Suitland, a 10 minuti d’auto di distanza) e la loro amicizia si era protratta anche durante i primi anni della sua carriera NBA, quando Durant giocava per i Thunder. Per diverso tempo, infatti, un 16enne Dixon aveva addirittura vissuto a casa della superstar NBA a Oklahoma City, e l’importanza del suo ruolo nella vita di KD era stata anche riconosciuta dalla sua citazione - con nome e cognome - durante il discorso di accettazione del premio di MVP nel maggio 2014. “Non sarei qui senza la vostra presenza, per cui questo trofeo è anche nostro, di tutti noi cresciuti assieme”. “La nostra famiglia era un’estensione della sua e viceversa”, ha scritto su Twitter la madre di Durant, Wanda, confermando la vicinanza dei due. È ovviamente un momento difficilissimo per Kevin e per la sua famiglia”, ha commentato Steve Kerr, uno che un lutto importante – quello del padre, ucciso in Libano - lo ha conosciuto da vicino. “L’umore di tutti oggi era abbastanza sobrio. Per noi che giochiamo o alleniamo la pallacanestro in questi casi diventa una sorta di rifugio, la possibilità di immergersi completamente nel gioco e dimenticare il resto. È forse il modo migliore per poter affrontare una tragedia del genere: so per certo che giocherà con il cuore afflitto da un dolore enorme, ma spero davvero che la pallacanestro possa ridargli un po’ di gioia anche in un momento del genere”. E così dev’essere stato, con Durant che al termine del primo tempo contro i Pacers aveva già segnato 11 dei suoi 15 punti serali, dimostrando la capacità di mantenere la concentrazione sul suo impegno in campo nonostante testa e cuore fossero sicuramente altrove.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.