Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Belinelli e Gallinari travolti da Denver e Houston

NBA

Serate storte per le squadre dei due italiani in NBA: San Antonio viene battuta sonoramente a Denver, con Belinelli fermo a zero punti per la prima volta in stagione e coach Popovich espulso dopo 63 secondi. Gallinari ne mette 16 ma i Clippers vengono travolti dai Rockets con oltre 30 punti di scarto

L'ESPULSIONE DA RECORD DI POPOVICH

A EST VINCE SOLO ORLANDO

ULTIMA NOTTE DI REGULAR SEASON CON "DIRETTA BASKET"

Denver Nuggets-San Antonio Spurs 113-85

Sessantatre secondi. Tanto è durata la partita di coach Gregg Popovich, che lamentandosi dei fischi degli arbitri e prendendosi due falli tecnici in successione, ha imboccato in fretta la via degli spogliatoi per quella che secondo ESPN è l’espulsione più veloce da Flip Saunders nel 2012 (un minuto e 46 secondi). Che fosse davvero per le decisioni degli arbitri o per dare una scossa emotiva ai suoi dopo i primi cinque punti subiti senza rispondere, poco cambia: da lì in poi i San Antonio Spurs — guidati in panchina da Ettore Messina — non sono più rimasti in campo, venendo travolti dai padroni di casa che hanno toccato il massimo vantaggio sul +30 prima di chiudere sul +28. A guidare i Nuggets c’è la tripla doppia sfiorata da Nikola Jokic, autore di 20 punti, 11 rimbalzi e 9 dei 41 assist di squadra di Denver, arrivata al suo massimo stagionale. Undici di questi portano la firma di Jamal Murray, che ha realizzato 14 punti e soprattutto ha ispirato i 19 di Monte Morris e Malik Beasley, seguiti dagli 11 a testa di Will Barton e Gary Harris. Il solito contributo diffuso che ha permesso ai Nuggets di lasciarsi alle spalle la sconfitta di Oakland e di continuare a mantenere il secondo posto a Ovest dall’assalto di Houston, salendo a un record di 32-7 tra le mura amiche (il migliore di tutta la Western Conference). Per gli Spurs, oltre ai 16 a testa di LaMarcus Aldridge e Lonnie Walker, c’è ben poco da segnalare: DeMar DeRozan ha chiuso con 11, mentre Marco Belinelli non ha messo neanche un punto a referto sbagliando tutti i cinque tiri che si è preso nei 15 minuti in cui è stato tenuto in campo. È la prima volta in tutta la stagione che Belinelli chiude senza punti a referto, con il suo minimo da 1 punto che era stato registrato contro Memphis lo scorso 21 novembre. Con questa sconfitta San Antonio scende all’ottavo posto, a mezza partita di distanza da Oklahoma City, ma non è escluso che al primo turno dei playoff possa incrociare proprio Denver: nel caso, servirà qualcosa di decisamente diverso rispetto a quanto visto stanotte per superare il primo turno.

L.A. Clippers-Houston Rockets 103-135

Se le combinazioni dei playoff a Ovest vedranno opporsi Rockets e Clippers al primo turno in uno scontro tra numero 3 e numero 6, il precedente di questa notte non prospetta nulla di buono per i losangeleni. Houston ha dimostrato di essere una squadra vastamente superiore agli uomini di Doc Rivers, veleggiando fino a una vittoria con oltre 30 punti di scarto grazie ai 74 messi assieme da James Harden (31 con 7 rimbalzi e 7 assist), l’ex Chris Paul (29 e 7 assist) e Clint Capela (24+15). Dopo le 26 triple realizzate contro Sacramento questa volta i Rockets si sono “limitati” a 18 di cui cinque portano la firma di Eric Gordon (15 punti), ma sono comunque riusciti a vincere tutti i quarti disputati mandando in doppia cifra anche Danuel House e Austin Rivers, cancellando le due sconfitte subite in questa stagione dai losangeleni. Per Danilo Gallinari ci sono 16 punti in 24 minuti con 6/12 dal campo, ma non è riuscito a impedire che gli ospiti si prendessero una doppia cifra di vantaggio gi nel primo quarto diventati oltre venti nel secondo, fino al +36 di un ultimo quarto davvero senza storia. Il migliore per i padroni di casa è stato il rookie Shai Gilgeous Alexander con 20 punti, mentre la coppia Williams-Harrell ne ha messi 17 uscendo dalla panchina ma senza il consueto impatto (rispettivamente -26 e -20 di plus-minus). Questa sconfitta di L.A. e la contemporanea vittoria di Utah su Phoenix mette una gara e mezzo di distanza tra le due squadre nella corsa al quinto posto a Ovest, mentre Houston mantiene lo stesso distacco dal second posto di Denver — contro la quale ha il tie-breaker a favore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.