Please select your default edition
Your default site has been set

NBA: John Havlicek, leggenda dei Boston Celtics, è morto a 79 anni

NBA

I Boston Celtics hanno annunciato nella tarda serata di giovedì che lo storico n°17 biancoverde, uno dei più grandi giocatori della storia della franchigia più vincente della NBA, è morto all’età di 79 anni al termine di una lunga battaglia contro la malattia

Una triste notizia ha scosso la vigilia della semifinale di Conference che attende i Boston Celtics da domenica contro i Milwaukee Bucks. John Havlicek, uno dei giocatori più rappresentativi della storia dei biancoverdi e dell’intera NBA degli anni ’60 e ’70, è scomparsa nella serata di giovedì dopo una lunga e complicata lotta contro il morbo di Parkinson. Il n°17 dei Celtics – il cui numero campeggia assieme a molti altri sul soffitto del TD Garden – ha giocato tutte e 16 le sue stagioni nella Lega a Boston, vincendo otto titoli NBA; secondo soltanto a Bill Russell (11) e Sam Jones (10) per successi totali. Definito da più parti come “il volto di tante delle giocate che hanno segnato la gloriosa storia dei Celtics”, Havlicek è stato un “tiratore che non ha mai avuto paura, né problemi a prendersi delle responsabilità. Quando c’era da decidere una sfida, ci pensava lui”, raccontano commossi i suoi colleghi di un tempo. Boston lo selezionò con la settima chiamata al Draft del 1962 dopo gli anni trascorsi a Ohio State, dove aveva vinto il titolo NCAA nel 1960. Nominato MVP delle finali nel 1972, Havlicek è stato per 13 volte All-Star (uno dei nove a riuscire a mettere insieme in maniera consecutiva così tante partecipazioni alla partita delle stelle), 11 volte inserito in uno dei quintetti All-NBA e otto in quelli con i migliori difensori. Una carriera leggendaria insomma, quarto dietro Nowitzki, Bryant e Duncan per punti segnati giocando sempre nella stessa franchigia. Ancora oggi è lui a detenere i record di punti segnati, gare giocate e canestri realizzati con i Celtics, secondo per assist e quinto per rimbalzi. “Il miglior sesto uomo della storia del Gioco”, diventato una leggenda dello sport americano grazie a un palla rubata negli ultimi istanti della gara-7 contro Philadelphia nel 1965. Dopo una sanguinosa palla persa da Bill Russell, ai 76ers rimanevano cinque secondi sul cronometro per provare a vincere la gara. Sulla rimessa però Havlicek intuì la linea di passaggio e riuscì ad assicurarsi il pallone, facendo impazzire Johnny Most, lo storico commentatore radio dei Celtics che iniziò a urlare: “Havlicek stole the ball!”. Un momento già fissato nella storia del Gioco, così come una figura che mancherà tanto a Boston e a tutta la NBA.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.