Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Gara delle schiacciate, due giudici rivelano: "Uno ha fatto di testa sua"

NBA
©Getty

La sconfitta di Aaron Gordon all’ultima schiacciata dello Slam Dunk Contest è stata contestata da molti, in primis i giocatori NBA. Due giudici di serata, Common e Candace Parker, hanno rivelato: “Eravamo d’accordo per un altro pareggio, ma qualcuno ha fatto di testa sua”. Dwyane Wade, il maggiore indiziato, si difende: “Non sono stato solo io a dare 9…”

La finale della gara delle schiacciate tra Derrick Jones Jr. e Aaron Gordon è stata memorabile, anche per le polemiche che ne sono scaturite dopo la sua conclusione. Il 47 dato alla schiacciata con cui Gordon ha superato i 228 centimetri di Tacko Fall ha fatto discutere, anche perché gli stessi giudici hanno alimentato la controversia. “Pensavamo che sarebbe stato un pareggio, tutti ci dicevamo ‘Sono pari’” ha detto l’artista di Chicago Common, uno dei cinque giudici di serata. “Qualcuno però non ha fatto la cosa giusta. Non so chi sia”. Anche Candace Parker, altra giudice di serata, ha confermato che il punteggio finale di Gordon avrebbe dovuto pareggiare il 48 ottenuto da Jones Jr. con la seconda schiacciata “extra” partendo direttamente dal tiro libero. Loro due hanno dato 10 all’ala dei Magic, mentre l’attore Chadwick Boseman, Scottie Pippen e Dwyane Wade hanno dato 9. La teoria cospirazionista che è circolata maggiormente su Twitter è che a far saltare il programma sia stato Wade, leggenda dei Miami Heat che ha voluto dare un “aiutino” al suo ex compagno Jones Jr. “Ehi, non sono stato l’unico ad aver dato 9 all’ultima schiacciata, perciò non puntate il dito contro di me” ha detto Wade con tono scherzoso alla rivista Complex. “L’importante però è che sia stato un grande spettacolo di intrattenimento: non credo che Aaron Gordon perderà il sonno per non aver vinto la gara delle schiacciate”.

Common: "Dovevamo decidere noi cinque in base a tutte le schiacciate"

Il protocollo della NBA comunque non ammette che ci sia una parità tra i due schiacciatori: deve esserci un solo vincitore. Per questo il giudizio finale sarebbe comunque spettato ai cinque giudici, anche se non è chiaro se Jones e Gordon avrebbero dovuto sfidarsi per un ulteriore round (sarebbe stato il terzo “extra” dopo aver fatto già due schiacciate al primo round e due nella finale) oppure se ai giudici dovesse essere affidato una scelta tra i due. Secondo quanto detto da Common, infatti, i cinque avrebbero dovuto scegliere uno tra i due schiacciatori, e quello con la maggioranza avrebbe vinto il premio. Era ciò che Common e Parker volevano, ma non è quello che è successo: “Penso che la battaglia sia stata pari tra i due e per questo dovevamo risolverla noi giudici scegliendo sulla base di tutta la sfida” ha detto l’artista. “Bastava scegliere tra uno dei due, avevamo lì i cartelli per poter scegliere”. Common, comunque, ha voluto lanciare un messaggio a Gordon, che ha annunciato di non voler più prendere parte allo Slam Dunk Contest: “Per favore torna. Sei andato alla grande, una prestazione davvero incredibile. Sei uno dei migliori schiacciatori di sempre. So che la sorella è arrabbiatissima: devo dire qualcosa”.

NBA: SCELTI PER TE