Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Zach LaVine smentisce: “Ce l’avevo con Schroder, non con coach Boylen”

Polemica
©Getty

Il n°8 dei Bulls ha spiegato le sue parole, smentendo quanto raccontato dai giornalisti nelle prime ore del post-partita contro i Thunder: "La gente ha pensato alle nostre frizioni passate, ma non stavo parlando con lui"

La notizia che ha reso molto tribolato il post-partita dei Bulls dopo la sconfitta contro i Thunder è venuta fuori a causa di un video diventato subito virale in cui Zach LaVine, durante l’esecuzione di un tiro libero da parte di OKC, voltandosi a mezza bocca verso la sua panchina ha iniziato a ripetere: “Ho segnato 40 ca**o di punti, cosa vuoi di più?”. I 41 totali messi a referto infatti non sono bastate per regalare a Chicago una vittoria, ma soltanto per aumentare il livello di tensione all’interno dello spogliatoio dei Bulls. Tutti hanno pensato che le sue parole fossero rivolte a coach Jim Boylen, con cui il rapporto non è mai stato dei migliori. Un polverone che la stellina della squadra dell’Illinois ha cercato di far rientrare attraverso un’intervista rilasciata a ESPN. “Era uno dei momenti caldi della partita, stavamo dando il massimo e tra giocatori di certo non ci scambiamo delle smancerie. Questo è quello a cui mi riferivo. Eravamo ancora sotto, Dennis Schroder continuava a pungolarmi e a quel punto ci ho tenuto a mettere in chiaro le cose: “Guarda, ne ho messi 40. Non so proprio perché continui a parlare con me”. Ai media poi faceva comodo credere che stessi parlando con Boylen e non con lui, ma era un battibecco tra due giocatori competitivi e nel pieno di una gara in equilibrio”. Allarme quindi rientrato: “Le speculazioni sono nate perché tutti hanno pensato all’attrito che c’è stato in passato tra di noi, ma è normale che nel rapporto allenatore-giocatore non ci sia la simbiosi che nasce tra i migliori amici. Ci vuole rispetto reciproco, soprattutto quando entrambi puntano al meglio, a essere competitivi e a chiedere il meglio l’uno dall’altro". In casa Bulls in effetti l’ultima delle cose necessarie ora sarebbe aprire una disputa interna inutile.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche