Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Sam Smith racconta: "Jordan umiliava Grant: 'Hai giocato male, oggi non mangi'"

NBA
©Getty

L'autore di "The Jordan Rules" interviene a un podcast e rivela l'ennesimo particolare non proprio "morbido" nei confronti del n°23 dei Bulls: "Quando Horace Grant giocava male, Jordan diceva alle hostess di non dargli da mangiare in aereo: non se l'era meritato"

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Sam Smith, a lungo reporter per il Chicago Tribune al seguito dei Chicago Bulls degli anni ’90 — e famoso per aver firmato The Jordan Rules, il libro che metteva in luce aspetti meno idilliaci del personaggio Michael Jordan — torna a fare notizia sulla scia del successo di The Last Dance, la serie (disponibile su Netflix e a un prezzo vantaggioso per gli abbonati Sky che sottoscrivono l’offerta Intrattenimento Plus su Sky Q) che lo vede anche protagonista tra i personaggi spesso intervistati. Ospite di un podcast su una stazione radio californiana, KNBR, Smith ha raccontato l’ennesimo spaccato di vita dentro lo spogliatoio dei Bulls dell’epoca, e in particolare un aneddoto raccolto dalle confessioni off record (a microfoni spenti) dei suoi compagni che ancora una volta dipinge Michael Jordan come una sorta di tiranno: “Negli anni vari giocatori sono venuti da me a dirmi: ‘Sai cos’ha fatto? Quando eravamo in aereo ha tolto il cibo dal piatto di Horace [Grant] perché aveva giocato male’. Michael — mi dicevano —  si rivolgeva direttamente alle hostess dicendo loro di non dar da mangiare a Grant perché non se l’era meritato”. Nessuno dei compagni di MJ però era disposto a far uscire sui giornali il proprio nome e cognome al fianco di affermazioni del genere: “Perché non lo scrivi?”, mi chiedevano. “E io provavo a spiegar loro che non sono mai stato un giornalista che scrive ‘secondo alcune fonti’. Mi servivano i nomi: se erano disposti ad accettare di uscire allo scoperto l’avrei scritto senza problemi”. Ma la reazione dei giocatori non andava in quella direzione: “No, no: non possiamo dire una cosa del genere su Michael Jordan”, conclude il suo racconto Smith.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche