Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Sam Smith racconta: "Jordan umiliava Grant: 'Hai giocato male, oggi non mangi'"

NBA
©Getty

L'autore di "The Jordan Rules" interviene a un podcast e rivela l'ennesimo particolare non proprio "morbido" nei confronti del n°23 dei Bulls: "Quando Horace Grant giocava male, Jordan diceva alle hostess di non dargli da mangiare in aereo: non se l'era meritato"

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Sam Smith, a lungo reporter per il Chicago Tribune al seguito dei Chicago Bulls degli anni ’90 — e famoso per aver firmato The Jordan Rules, il libro che metteva in luce aspetti meno idilliaci del personaggio Michael Jordan — torna a fare notizia sulla scia del successo di The Last Dance, la serie (disponibile su Netflix e a un prezzo vantaggioso per gli abbonati Sky che sottoscrivono l’offerta Intrattenimento Plus su Sky Q) che lo vede anche protagonista tra i personaggi spesso intervistati. Ospite di un podcast su una stazione radio californiana, KNBR, Smith ha raccontato l’ennesimo spaccato di vita dentro lo spogliatoio dei Bulls dell’epoca, e in particolare un aneddoto raccolto dalle confessioni off record (a microfoni spenti) dei suoi compagni che ancora una volta dipinge Michael Jordan come una sorta di tiranno: “Negli anni vari giocatori sono venuti da me a dirmi: ‘Sai cos’ha fatto? Quando eravamo in aereo ha tolto il cibo dal piatto di Horace [Grant] perché aveva giocato male’. Michael — mi dicevano —  si rivolgeva direttamente alle hostess dicendo loro di non dar da mangiare a Grant perché non se l’era meritato”. Nessuno dei compagni di MJ però era disposto a far uscire sui giornali il proprio nome e cognome al fianco di affermazioni del genere: “Perché non lo scrivi?”, mi chiedevano. “E io provavo a spiegar loro che non sono mai stato un giornalista che scrive ‘secondo alcune fonti’. Mi servivano i nomi: se erano disposti ad accettare di uscire allo scoperto l’avrei scritto senza problemi”. Ma la reazione dei giocatori non andava in quella direzione: “No, no: non possiamo dire una cosa del genere su Michael Jordan”, conclude il suo racconto Smith.  

NBA: SCELTI PER TE