Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Chris Paul e il fallimento dei suoi Clippers: “Non abbiamo avuto fortuna”

le parole
©Getty
deandre_jordan_blake_griffin_chris_paul

Il n°3 degli Oklahoma City Thunder è tornato a parlare degli anni trascorsi a Los Angeles e del mancato successo raggiunto con una squadra che aveva le carte in regola per farcela: "Non è dovuto al caso Sterling, ci è sempre mancata un po' di buona sorte"

Parla di fallimento è ingeneroso, soprattutto considerando quali fossero stati in precedenza le abitudini e il rendimento a cui il pubblico di Los Angeles era stato costretto ad abituarsi quando si parlava di Clippers. Aver reso assieme a Doc Rivers, Blake Griffin e Deandre Jordan i cugini meno nobili dei Lakers una squadra da playoff è già di per sé un risultato enorme. In molti però, Chris Paul in primis, sperava di togliersi ben altro soddisfazioni nei sette anni trascorsi in California.  Quattro squadre diverse hanno conquistato l’anello in quegli anni, ma non i suoi Clippers - i quali non sono neanche riusciti a diventare una delle 11 franchigie ad aver giocato una finale di Conference. C’è sempre stato qualcosa che è andato storto nel momento più importante della stagione - una maledizione a cui CP3 ha dato una spiegazione tanto semplice quanto inappuntabile: “Doc Rivers ci ripeteva sempre nello spogliatoio che per vincere un titolo NBA bisogna essere fortunati. Noi non lo siamo mai stati. Non penso che il caos generato dalla questione Donald Sterling [la cacciata del proprietario dei Clippers, storia alla base del documentario “Blackballed” distribuito via Quibi, ndr] abbia inciso, non ha influenza la mancanza dello spunto quando si trattava di vincere. Quello è stato un ostacolo imprevisto, ma sappiamo che nella vita tutto può succedere”. La serie persa dopo essere andati avanti per 3-1 contro i Rockets nel 2015 (dopo aver eliminato gli Spurs campioni in carica al primo turno) resta forse il più grande rammarico di una serie di cavalcate playoff sempre costellate da infortuni e battute d’arresto. Ai ragazzi di coach Rivers - unico rimasto ancora ai Clippers - è sempre mancato qualcosa: che sia quest’anno la volta buona per riuscire ad avere un po’ di fortuna?

NBA: SCELTI PER TE