Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, ora è ufficiale: il campionato riparte il 31 luglio. Ecco come

NBA

In campo in sede unica (Disney World Resort di Orlando, Florida) 22 delle 30 squadre NBA. Per le altre 8 franchigie stagione già terminata. Comunicate anche una serie di date fondamentali per la stagione in corso e per l'inizio della prossima, dal Draft alla free agency

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Dopo mesi di ipotesi, speculazioni e previsioni, la NBA ha annunciato la propria decisione: il campionato 2019-20 riprende il 31 luglio con sede unica al Disney World Resort di Orlando, come da più parti anticipato. La decisione è stata ratificata nel corso del Board of Governors dove i 30 proprietari NBA hanno accettato le proposta sottoposta loro dal commissioner Adam Silver, che richiedeva un’approvazione di 3/4 dei votanti. I voti sono stati 29 a favore e uno solo contrario (quello dei Portland Trail Blazers). Ma come riparte la stagione? Con 22 squadre al posto di 30 (le ultime otto — due a Ovest, sei a Est — sono da oggi ufficialmente in vacanza) e con una mini-porzione di regular season ancora da disputare. Otto gare per ogni squadra e poi i playoff, eventualmente preceduti (se al termine della regular season l’ottava e la nona squadra di ogni conference sono distaccate da 4 o meno partite) dalla novità del torneo play-in. Ottava e nona squadra si affronterebbero in uno scontro diretto: se vince la prima, immediata la sua qualificazione ai playoff; se vince la seconda, va in scenda un'altra sfida tra le due squadre, stavolta decisiva: chi vince va ai playoff. Playoff che — da quanto emerso dalle votazioni del Board of Governors — termineranno (con l’eventuale gara-7 di finale NBA) il 12 ottobre.

Le altre date fondamentali

Stabiliti anche altri appuntamenti chiave all'interno dell'annata: le squadre (ognuna nella propria città) svolgeranno una settimana di training camp a inizio luglio (dal 30 giugno), per poi spostarsi a Orlando il 7. Gli allenamenti delle 22 squadre in Florida partiranno poi dal 9 all'11 luglio.
Stabiliti già anche tre ulteriori appuntamenti fondamentali nella costruzione della stagione NBA: il 25 agosto si terrà la Lottery (per determinare l'ordine di scelta al Draft), mentre il Draft avrà luogo il 15 ottobre e solo tre giorni più tardi (il 18 ottobre) prenderà il via la free agency, con tutte le contrattazioni di mercato. Un ultimo dettaglio, è quello del numero di partite di stagione regolare (171) cancellate, che equivalgono a una perdita in salario per i giocatori di circa 600 milioni di dollari. 
Dal Board of Governors poi sono filtrate anche le prime indiscrezioni relative alla prossima stagione: attorno al 10 novembre le squadre sarebbero chiamate a iniziare i loro training camp, con la palla a due della stagione 2020-21 indicativamente prevista per il 1 dicembre (e non Natale come inizialmente previsto), anche se queste ultime date sono da ritenersi ancora fluide e soggette a possibili cambiamenti. 

Riparte la stagione NBA

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche