Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Nikola Jokic positivo, bloccato in Serbia: ma Denver conta di averlo presto in campo

NBA
©Getty

Il centro dei Nuggets è risultato positivo al testo per il coronavirus la scorsa settimana. A Belgrado aveva partecipato a una partita di basket d'esibizione: uno dei giocatori è poi risultato anch'esso positivo, così come Novak Djokovic, tra gli ospiti della serata. Denver però rimane ottimista di recuperare la propria superstar prima del trasferimento a Orlando (7-9 luglio)

Il nome di Nikola Jokic si aggiunge alla lista dei giocatori NBA risultati positivi al test sul Covid-19. Il centro dei Nuggets — che ha sostenuto il testo la settimana scorsa in Serbia — per questo motivo non è ancora tornato negli Stati Uniti per unirsi ai suoi compagni: dovrà ottenere due negatività al test nel giro di 24 ore perché gli venga concesso di viaggiare e poi — una volta a Denver — sottoporsi a un test cardiaco e a un ulteriore test per il virus, che dovrà risultare negativo perché il serbo possa essere libero di scendere in campo. Ai Nuggets però rimangono fiduciosi di poter riabbracciare il loro centro entro questa settimana, per poterlo poi avere con loro quando — dal 7 al 9 luglio — si metteranno in viaggio verso Orlando. Foto di un Jokic in grandissima forma erano circolate in rete nei giorni scorsi, quando il giocatore si trovava a Belgrado: proprio nella capitale serba otto giorni fa aveva anche partecipato a una partita di basket di esibizione. Uno dei giocatori coinvolti era poi risultato a sua volta positivo, così come lo stesso destino è toccato al n°1 del tennis mondiale (e grande appassionato NBA) Nole Djokovic, che era tra gli invitati a quella esibizione. Doppia doppia di media (20.2 punti e 10.2 rimbalzi, ma anche 6.9 assist), il ruolo di Jokic nelle ambizioni da titolo dei Nuggets — che si presentano a Orlando con il terzo miglior record a Ovest — è ovviamente centrale ma coach Michael Malone (uno che ha sua volta ha contratto il coronavirus, ma è da allora guarito) è convinto di poter contare sul suo n°15 alla ripresa delle competizioni.

NBA: SCELTI PER TE