Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James: "Kobe Bryant? Non c'è giorno che non pensi a lui"

lakers
©Getty

Le parole più toccanti pronunciate dal n°23 dei Lakers in conferenza stampa sono state quelle rivolte alla leggenda gialloviola scomparsa lo scorso gennaio: “Lui, Gigi, Vanessa e le ragazze fanno parte di questa famiglia, questo è un anno in cui niente è normale”

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Quando parla il n°23 dei Lakers il livello di interesse e di attenzione da parte di giornalisti e addetti ai lavori sale. Le notizie e i titoli sono sempre dietro l’angolo e LeBron James non ha deluso anche questa volta, raccontando quale fosse il suo stato d’animo, le difficoltà affrontate in questi mesi difficili - soffermandosi sulla mancanza della madre durante la quarantena. James poi è andato oltre, tornando a parlare dopo diverse settimane di Kobe Bryant, della sua assenza e del peso enorme che il suo vuoto ha lasciato all’interno della squadra e della dirigenza: “Non passa un giorno senza che non pensi a lui, senza che i Lakers lo ricordino. Lui, Gigi, Vanessa e le ragazze sono parte di questa famiglia. Portiamo ancora addosso la maglia n° 24, la 8 e la 2 con orgoglio e ricordando cosa sono stati, non solo per i gialloviola ma per il mondo della pallacanestro. È un anno in cui niente è normale, ma dobbiamo adattarci alle sfide della vita. Staff e giocatori qui nella bolla devono rimanere concentrati: ogni stagione ci pone davanti delle sfide diverse, noi dobbiamo affrontare la nostra - ben consapevoli che questo 2020 è diverso da tutti gli altri”. Diversa la corsa al titolo e anche quella al premio di MVP, che verrà assegnato senza tenere conto delle ultime partite che di giocheranno a Orlando dal prossimo 30 luglio: “Ho dimostrato ancora una volta quello che sono in grado di fare sul parquet - non solo a livello individuale, ma anche come crescita per il gruppo. In tanti si domandavano se avessi potuto replicare quanto fatto nella Eastern Conference anche a Ovest: il primo posto dei Lakers è lì a dimostrare quale sia la risposta”. Insomma: Antetokounmpo avvisato, mezzo salvato. LeBron James, a prescindere dall’età e dai premi, resta ancora l’uomo da battere.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche