Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, la reazione di Donald Trump alle proteste: "Un'organizzazione politica"

REAZIONI

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ammesso di non aver seguito molto delle proteste della NBA, ma che "gli ascolti televisivi sono pessimi" e che la lega sta diventando "un’organizzazione politica". Il so consigliere Jared Kushner ha definito i giocatori "molto fortunati a potersi prendere una serata libera dal lavoro"

La decisione dei Milwaukee Bucks di non scendere in campo nei playoff NBA per protesta contro quanto accaduto a Jacob Blake a Kenosha, in Wisconsin, ha avuto ripercussioni ovunque, non solo nel mondo dello sport. Nei giorni in cui si è conclusa la convention repubblicana per la nomina di Donald Trump a candidato della Casa Bianca in vista delle elezioni di novembre, era inevitabile che arrivasse una domanda all’attuale Presidente USA — da sempre considerato un nemico tanto dai giocatori quanto dagli allenatori della lega. “Non so molto della protesta, so che gli ascolti televisivi sono molto bassi perché francamente la gente è un po’ stufa della NBA” ha detto Trump in conferenza stampa. “Sono diventati come un’organizzazione politica e non è una cosa positiva”.

Kushner: "Giocatori fortunati a potersi prendere una serata libera"

Ancora più pesante è stato l’attacco di Jared Kushner, consigliere di Trump e membro importantissimo del suo gruppo. “I giocatori NBA sono fortunati, perché hanno una posizione finanziaria tale da permettersi di astenersi dal lavoro senza conseguenze economiche, che è un bel lusso” ha detto commentando la storica protesta dei giocatori contro il razzismo e la violenza della polizia. “Nella NBA c’è molto attivismo e usano molti slogan, ma penso che si debbano lasciar perdere gli slogan e intraprendere azioni che risolvano il problema”. Kushner ha addirittura detto di volersi mettere in contatto con LeBron James — difficile che accada, visto quanto sono distanti le posizioni dei due — e che le proteste pacifiche “sono importanti, ma in questo momento bisogna spostare la rabbia della gente verso soluzioni costruttive”. Che è esattamente quello che i giocatori NBA stanno cercando di fare senza bisogno dei suggerimenti di Kushner, come già fatto ad esempio da LeBron James con il suo impegno per la I Promise School e tutte le altre iniziative dei giocatori, che con il loro attivismo hanno portato i proprietari della NBA a impegnarsi per 300 milioni di dollari sostenendo l'economia afro-americana. L’ex allenatore NBA e ora commentatore televisivo Stan Van Gundy ha commentato così le parole di Trump: “Quest’uomo pensa che gli ascolti siano più importanti delle persone e di qual è la cosa giusta da fare”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche