Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Doc Rivers: "Abbiamo la formula giusta e la perdiamo". George: "Siamo in controllo"

PAROLE
©Getty

Dopo la seconda sconfitta in fila facendosi rimontare, Paul George ha continuato a mantenere la fiducia: "Siamo ancora in controllo della serie, non facciamoci prendere dal panico. Mi piacciono le nostre possibilità per gara-7". Doc Rivers, in compenso, non si dà pace: "Abbiamo trovato la formula giusta e continuiamo a perderla"

Nell’immediato post-partita di gara-6 tra L.A. Clippers e Denver Nuggets, tanti hanno sottolineato come i Clippers fossero “tornati a fare i Clippers”, fallendo in maniera spettacolare nel momento decisivo. Dopo aver già sprecato 16 punti di vantaggio in gara-5, la squadra di Doc Rivers ha visto evaporare altri 19 punti in gara-6, crollando in un secondo tempo da 64-35 e vedendosi costretta a conquistare le finali di conference in gara-7. Secondo Doc Rivers c’è un momento chiave che ha cambiato le sorti della partita: “Quando Jamal Murray è andato giù per infortunio, la partita è completamente cambiata” ha detto in conferenza stampa. “Fino a quel momento eravamo la squadra più fisica: riuscivamo ad arrivare in area e poi scaricare fuori. Dopo Murray invece è stato l’opposto: ho provato a usare tutti i miei timeout per tornare a come giocavamo prima, ma non ci sono riuscito. Era ottima pallacanestro, poi abbiamo smesso di muovere il pallone e di attaccare”. Rivers è sembrato anche particolarmente preoccupato per i continui blackout dei suoi: “Abbiamo la giusta formula di gioco, ma continuiamo a perderla. In un timeout ho detto ai ragazzi che non avremmo potuto vincere la partita camminando e palleggiando, ma che avremmo dovuto continuare ad attaccare perché loro non avrebbero mollato. E non lo hanno fatto. Loro hanno fatto le scelte giuste, noi abbiamo sbagliato dei tiri ma la qualità non mi è piaciuta. Questa partita l’abbiamo persa in attacco”. 

La risposta sui plus-minus di Zubac e Harrell

approfondimento

I Clippers e la maledizione finali di conference

Il nervosismo di Rivers si è notato anche in una risposta particolarmente piccata a una domanda su Ivica Zubac e Montrezl Harrell. In questa serie il centro croato è sembrato decisamente più adatto a marcare uno come Nikola Jokic, tenendolo a percentuali più basse e dando un contributo migliore ai suoi (+11 di plus-minus in 30 minuti) rispetto al sesto uomo dell’anno in carica, il cui plus-minus in gara-6 è stato di -19 in 15 minuti. “Trezz sta avendo un rendimento incostante, ma se si considera solo il plus-minus, nessuno dei due è andato bene stasera. Entrambi devono giocare meglio” ha detto Rivers. “Capisco cosa dicono i numeri, ma a volte bisogna guardare le partite e come sono andati gli accoppiamenti prima di fare una critica”. Parole che suonano soprattutto come un tentativo di proteggere Harrell, il cui rendimento è stato scadente fino a questo momento ma di cui c’è inevitabilmente bisogno per avanzare alle prime finali di conference nella storia della franchigia.

Paul George: "Sta a noi tirarci fuori da questa situazione"

approfondimento

Denver, 2° tempo da sogno: L.A. ko, si va a gara-7

Se coach Rivers è sembrato comprensibilmente preoccupato, Paul George — miglior marcatore dei suoi con 33 punti — invece continua a mantenere la fiducia: “Dobbiamo guardare i filmati e vedere che cambiamenti dobbiamo fare rispetto a quello che non facciamo. È successo due volte che ci siamo fatti rimontare: dobbiamo apportare cambiamenti per mantenere la stessa intensità che abbiamo avuto nel primo tempo”. A precisa domanda su quale sia il mood nello spogliatoio, George ha continuato a professare fiducia: “Sappiamo contro chi stiamo giocando, abbiamo enorme rispetto per loro e sono stati più volte assieme in una gara-7 rispetto a noi. Ma mi piacciono le nostre possibilità e mi piace quello che abbiamo. Siamo ancora in controllo della serie, non è il momento di farci prendere dal panico: abbiamo gara-7 e ce la giochiamo. Ci siamo messi noi in questa situazione e sta a noi tirarcene fuori”.

Leonard: "Sopraffatti? No, solo fermi in attacco"

approfondimento

Denver è quasi imbattibile spalle al muro: è 6-1

Decisamente meno generoso di parole è stato come sempre Kawhi Leonard, a cui a un certo punto è arrivata una domanda decisamente tagliente: “Did you choke tonight?”, vi siete fatti sopraffare (letteralmente: strozzare) dal momento? Leonard non ha però perso la calma: “No, ci siamo solo fermati in attacco nel terzo quarto. Tutto qui. Siamo diventati stagnanti e non abbiamo più segnato”. Anche lui però ha continuato a mantenere fiducia in vista di gara-7, che lui ha deciso lo scorso anno con la maglia dei Raptors al secondo turno contro Philadelphia. “Ovviamente nessuno vuole andare a casa. Dobbiamo andare in campo, fare il nostro gioco e convivere con il risultato. Dobbiamo dare il massimo con attenzione ai dettagli, divertendoci e rilassandoci. È tutto ciò che possiamo fare”. Ci sono due giorni per preparare una gara-7 cruciale per i destini della stagione: l’appuntamento è fissato nella notte tra martedì e mercoledì alle 3.00 in diretta su Sky Sport.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche