Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, secondo tempo da sogno per Denver: Jokic manda i Clippers ko, si va a gara-7

NBA
©Getty

Continua la rimonta dei Denver Nuggets, che dominano i secondi 24 minuti (64-35) e da sotto 1-3 si portano in parità trascinati dalla prestazione-monstre di Nikola Jokic: 34 punti, 14 rimbalzi, 7assist e 4/6 da tre per il centro serbo dei Nuggets, che ora (dopo aver rimontato e vinto tre gare in fila contro Utah) si giocheranno tutto in 48 minuti martedì notte 

6-1 IL RECORD DEI NUGGETS NELLE GARE "SPALLE AL MURO". GALLERY

DENVER NUGGETS-L.A. CLIPPERS 111-98 | IL TABELLINO

Parte meglio Denver, e Jamal Murry con 6 punti rapidi approfitta delle distrazioni della difesa di L.A.. Immediatamente però le due superstar dei Clippers mettono in chiaro di non voler fare gare di rincorsa: 9 di Leonard, 6 di Paul George e la squadra di coach Rivers si porta in vantaggio sfruttando anche i punti facili in contropiede (10-0 in avvio).  Non è l'attacco - come al solito - il problema dei Nuggets (che hanno già Jokic in doppia cifra alla fine del primo quarto e 6 punti di Michael Porter Jr. dalla panchina) ma la difesa: L.A. segna 34 punti nei primi dodici minuti e va al primo riposo sopra di 8. Le percentuali delle due squadre restano altissime anche nella prima metà del secondo quarto, Denver resta a contatto anche con il cuore di Gary Harris e Monte Morris dalla panchina. Leonard (recupero) e George (canestro e fallo) riportano a +7 L.A., mantenendo i Clippers davanti. È proprio l'ex Spurs e Raptors ad allungare le mani sulla partita nel finale di primo tempo: fa tutto (punti, 14), rimbalzi, assist, recuperi, riportando in doppia cifra il vantaggio dei suoi (57-45 entrando negli ultimi due minuti). Denver non fa più canestro, si ferma offensivamente e all'intervallo il divario è il più ampio di tutta la gara: +16 L.A. con 17 di Paul George da una parte e 15 di Nikola Jokic (con 7/10 al tiro) dal'altra.

Secondo tempo 

Proprio il centro serbo dei Nuggets prova a fare di tutto anche nel terzo quarto per tenere in gara i suoi (con 8 dei primi 14 punti di squadra), ma L.A. sale di colpi difensivamente, trova punti con regolarità in attacco e prova a restare in controllo. È però Murray con un gioco da tre punti e un canestro da fuori a completare un parziale di 13-0 Denver (da 73-55 a 73-68) che riapre la gara, riportando la squadra del Colorado a -5, costringendo coach Rivers a fermare la partita. Il parziale continua anche dopo il break, si allunga a 17-0 e porta i Nuggets a un solo punto di distanza. La reazione Clippers arriva con alcune buone difese consecutive e quattro punti in fila: il terzo quarto si chiude con L.A. ancora davanti di due punti (79-77) e Jamal Murray costretto a prendere prima la via dello spogliatoio per un piccolo guaio fisico. Anche senza il suo n°27 Denver parte meglio: cinque punti di Torrey Craig danno il sorpasso alla squadra di coach Malone, spaventando i Clippers che incassano un 27-6 di parziale e vedono Patrick Beverley uscire per 6 falli con oltre 10 minuti ancora da giocare. Sono 6 non i falli ma i punti consecutivi di Nikola Jokic, che sigla due triple in fila a cui Porter Jr. ne aggiunge un'altra. Denver prova a scappar via, ed entra negli ultimi sei minuti di gara con un vantaggio di 5 punti. Un'altra tripla (oltre il 43% dall'arco), stavolta di Harris, dà ai Nuggets il massimo vantaggio della serata, +8 a quattro minuti dalla sirena finale che diventano addirittura 10 sul canestro di Jokic. L.A. si scioglie definiivamente: dopo i 16 punti del terzo quarto, Leonard e compagni ne segnano solo 19 anche nel quarto, contro i 64 del secondo tempo di Denver (-29). L'MVP della serata è ovviamente Jokic, che chiude con 34 punti, 14 rimbalzi, 7 assist e un pazzesco 4/6 da tre punti: coach Malone però ha 21 punti con soli 13 tiri da Murray, 16 preziosissimi da Gary Harris e 13 con 7 tiri e 7 rimbalzi di Porter Jr., tutti molto positivi. A L.A. non bastano i 33 punti (ma con -23 di plus/minus) di Paul George e i 25 di Kawhi Leonard: se l'attacco si ferma nel secondo tempo, la difesa di coach Rivers non fa meglio e sui 48 minuti concede il 54% dal campo e il 48% da tre ai Nuggets. Troppo per poter pensare di vincere. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche