Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, la promessa di Nate Bjorkgren: "I miei Indiana Pacers correranno"

PAROLE
©Getty
TORONTO, CANADA - NOVEMBER 27: Assistant Coach, Nate Bjorkgren of the Toronto Raptors calls out to his team during the game against the New York Knicks on November 27, 2019 at the Scotiabank Arena in Toronto, Ontario, Canada.  NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this Photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement.  Mandatory Copyright Notice: Copyright 2019 NBAE (Photo by Ron Turenne/NBAE via Getty Images)

Il nuovo allenatore degli Indiana Pacers ha tracciato la strada per come intende guidare la sua squadra: "Vogliamo essere divertenti da vedere e correre. Tireremo di più da tre e cambieremo più coperture difensive, anche di quarto in quarto. Bisogna sapersi adattare in fretta e molto spesso"

Promette rotazioni ampie, crede nel dialogo tra il coach e la squadra, vuole che i suoi giocatori “muovano” il pallone, tirino di più da tre e difendano con energia.  Li vuole così, i suoi Pacers, il neoallenatore di Indiana Nate Bjorkgren. Nel corso del suo primo atto ufficiale da coach dei Pacers con la conferenza stampa (via Zoom) di presentazione, il 45enne Bjorkgren – un passato da assistente con Suns e Raptors e un titolo NBA vinto l’anno scorso a Toronto – ha illustrato il suo credo cestistico e le linee-guida per la prossima stagione. “Il movimento sui due lati del campo sarà l’arma più importante della squadra– ha dichiarato — e saranno molti i giocatori in grado di gestire il possesso del pallone. Vogliamo tirare tanto dal perimetro in attacco e ‘cambiare’ appena possibile in difesa, anche tra un quarto e l’altro, dopo i timeout, o – per esempio — nel bel mezzo di un parziale da 8-0”. Pallacanestro moderna, dunque, modellata secondo i dettami che hanno dominato il gioco nelle ultime stagioni. “Tutto questo – ha proseguito Bjorkgren – rappresenta l’aspetto più dirompente della nostra pallacanestro”. 

approfondimento

Chi è Nate Bjorkgren, nuovo coach dei Pacers

Il neoallenatore dei Pacers il mestiere lo ha appreso andando a bottega come assistente da Nick Nurse ai tempi degli Iowa Energy. Era il 2007. Nel corso delle successive sette stagioni alla guida di Dakota Wizards, Santa Cruz Warriors, Energy e Bakersfield Jam avrebbe poi messo insieme un record di 126 vittorie e 74 sconfitte. L’ingresso nel mondo del grande basket arriva nel 2015, con la chiamata dei Phoenix Suns. Tre anni più tardi ritrova – sempre in qualità di assistente – Nick Nurse a Toronto. E la prima stagione si conclude con la cavalcata trionfale che porta per la prima volta nella storia i canadesi sul tetto della NBA. "Sono convinto che oggigiorno nella NBA sia importante prendersi dei rischi” ha affermato il presidente delle “basketball operations” dei Pacers, Kevin Pritchard. Sicuramente scegliere un allenatore esordiente lo è, ma Pritchard non ha dubbi: “Alla fine i risultati arrivano. Forse non subito, ma arrivano. Noi puntiamo ad ottenerli nei playoff”.  "Indiana sarà una squadra divertente da vedere”, ha promesso Bjorkgren. Anche vincente, si augurano tifosi e dirigenza dei Pacers. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche