Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, a Brooklyn l'assenza di Kyrie Irving è un mistero. E dovrebbe saltare anche Memphis

NBA
©Getty

C'è chi dice sia una pausa di riflessione causata dai fatti di Washington (e l'assalto al Congresso da parte dei sostenitori di Trump), chi invece sostiene che "semplicemente" non voleva giocare. Ma ci sono versioni diverse anche in seno alla squadra, con le parole di Steve Nash smentite da quelle di Caris LeVert

Kyrie Irving continua a far parlare di sé: in campo sempre bene (ottimo il suo avvio stagionale), fuori invece un po’ meno. L’ultima controversia che lo riguarda l’ha visto assente inatteso alla gara vinta poi dai suoi Nets contro Philadelphia. “Motivi personali”, la motivazione ufficiale, con coach Steve Nash che, a richiesta di ulteriori delucidazioni, ammetteva di non essere riuscito a parlare con la sua superstar (“L’ho appena saputo, gli ho mandato un messaggio e ancora non ho avuto risposta. Ma mi auguro che stia bene e che sia tutto ok”). Diversa la versione di Caris LeVert, secondo il quale invece Irving avrebbe avvisato con un SMS i suoi compagni della sua assenza, appena prima della gara contro i Sixers: “Ci ha mandato un messaggio, ma le ragioni sono personali: noi lo supportiamo, è uno di noi, un fratello”. Senza nessuna chiarezza in merito, c’è spazio allora per qualsiasi illazione e teoria, ma la più accreditata è che il n°11 di Brooklyn abbia voluto prendersi una pausa in seguito ai recenti fatti di Washington, con l’assalto dei supporter di Donald Trump al Congresso.

I motivi dell'assenza (che potrebbe allungarsi)

leggi anche

Irving e il rituale prima della palla a due. VIDEO

Già in occasione delle rivolte della comunità afroamericana in reazione alla brutalità della polizia, Irving aveva espresso la sua opinione convinto che — di fronte a certi eventi — anche la pallacanestro debba fare un passo indietro, per permettere a tutti di concentrarsi su temi molto più delicati e difficili. Secondo altre fonti, invece, semplicemente Irving “non voleva giocare” — il che lascerebbe libera la squadra di prendere provvedimenti in merito — ma quel che è certo è che sembra che la superstar dei Nets sarà assente anche nella prossima gara, visto che non pare intenzione a raggiungere i compagni a Memphis, dove 24 ore dopo il successo contro Philadelphia, Brooklyn sarà impegnata contro i Grizzlies.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche