Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Sundays: super Jokic pareggia il massimo in carriera (47 punti), Denver ferma Utah

NBA
©Getty

Dopo 11 vittorie consecutive si ferma la striscia degli Utah Jazz che trovano un Nikola Jokic mostruoso: il serbo pareggia il suo career-high e guida Denver al successo, aggiungendo anche 11 rimbalzi e 5 assist. I Nuggets tirano 18/28 da tre punti e chiudono con 128 punti a tabellone, mandando un segnale alla miglior squadra NBA del momento, che ha 29 punti da un ottimo Bojan Bogdanovic

DENVER NUGGETS-UTAH JAZZ 128-117 | IL TABELLINO 

Il racconto del primo tempo

Squadre caldissime dalla lunga distanza al via della gara: 5/5 per i Jazz prima del primo errore, addirittura 8/8 nel primo quarto per i Nuggets, che partono meglio e prendono il primo mini-vantaggio. Vantaggio che si dilata velocemente (Jazz anche doppiati) perché Nikola Jokic è in serata ispirata. Quando mette la terza tripla della sua serata (su tre tentativi) il centro serbo è già a quota 22 punti e deve ancora finire il primo quarto: Denver mantiene un vantaggio in doppia cifra, Utah fa fatica a mettere punti sul tabellone. Il primo quarto si chiude sul 43-29 per i Nuggets, ma è il clamoroso 9/11 per 22 punti in 11 minuti di Jokic la statistica che spiega meglio di tutte le altre il vantaggio dei padroni di casa. Si riposa il serbo a inizio secondo quarto, Michael Porter Jr. diventa il naturale terminale offensivo di Denver, che sale anche oltre i 20 punti di vantaggio, prima che Utah infili un parziale di 7-0, che riporta i Jazz a -15. Torna però in campo Jokic, tornano a girare alla perfezione i Nuggets - e anche il successo degli uomini di Michael Malone torna a gonfiarsi (61-39 a cinque minuti dalla fine del primo tempo). Il tentativo di rimonta dei Jazz porta la firma di Bojan Bogdanovic, che segna 10 punti nel quarto per provare a tenere a contatto i suoi, supplendo a un Donovan Mitchell molto silenzioso nel primo tempo. Denver però sembra poter schiacciare sull'acceleratore appena necessario, e da tre punti le percentuali non accennano a scendere (un pazzesco 13/15). Di pazzesco però c'è ancora Jokic, già sopra i trenta punti all'intervallo (33 con 13/17 al tiro e 4/4 dall'arco), punta di diamante di un attacco che mette a tabellone la bellezza di 79 punti, sufficienti per andare al riposo lungo con 25 punti di distacco. Nonostante il 45% da tre punti (ma Denver viaggia con oltre l'88%, 15/17) e un Bogdanovic già a quota 17, Utah non riesce a restare a contatto, concedendo di tutto a un attacco dei Nuggets straripante. 

Il racconto del secondo tempo

Utah parte piatta anche nel secondo tempo e rischia di incassare il colpo del ko, avvicinandosi pericolosamente al -30. L'unico a non mollare mai è ancora Bogdanovic, che tocca in fretta quota 20, contribuisce a un 6-0 di parziale ma Denver resta ancora in controllo. Quando si accende (finalmente) Mitchell, con un paio di canestri da tre punti, Utah prova davvero a riaprire la gara: il -14 sembra distacco quasi abbordabile, e ridà speranza alla squadra col miglior record NBA. Con due triple di Jordan Clarkson - sempre pericoloso in uscita dalla panchina - lo svantaggio dei Jazz scende in singola cifra (-8 sul 99-91) a meno di un minuto dalla fine del terzo quarto. Un terzo quarto che Jokic chiude già a quota 43 punti, ma che Utah vince 37-24 entrando così negli ultimi 12 minuti sul 103-91 Nuggets. Anche Fecundo Campazzo si mette in mostra con due triple che permettono a Denver di riallungare, chiudendo la porta in faccia al tentativo di rimonta di Utah. Gli ultimi 5 minuti di gara servono a Nikola Jokic per inseguire il suo massimo in carreira (i 47 segnati a gennaio 2020 agli Hawks): lo pareggia a 2 minuti dalla fine, e poi si siede in panchina soddisfatto, dopo aver tirato 17/26 al tiro, 4/4 da tre punti e aver aggiunto 11 rimbalzi e 5 assist al suo boxscore. Denver ferma a 11 la striscia di vittorie consecutive degli Utah Jazz, che hanno in Bogdanovic il miglior marcatore di serata. È 128-113 il risultato finale. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche