Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Gallinari sull'intesa con Trae Young e l'avvento di Nate McMillan in panchina. VIDEO

NBA

Di nuovo titolare, di nuovo con tanti minuti (39) a disposizione. La gara contro gli Orlando Magic potrebbe essere una sorta di punto di svolta per la stagione del n°8 di Atlanta, che riflette sull'avvicendamento in panchina e sui processi di adattamento per rendere al meglio accanto a un giocatore come Trae Young, "che sta migliorando costantemente nel trovare il compagno libero quand'è raddoppiato"

Senza Clint Capela e con John Collins a cui piace spesso e volentieri allontanarsi dal canestro, la gara contro Orlando per Danilo Gallinari ha portato con sé onori (l’inserimento in quintetto) ma anche oneri (doversi occupare difensivamente del centro avversario, Nikola Vucevic): “È uno dei migliori realizzatori tra i lunghi di questa lega, per cui giocarci contro per me era una grande sfida”, dice Gallinari. Contento di come è andata: “Gli allenatori me lo hanno affidato in marcatura, io ho accettato la sfida e sono felice della mia prestazione difensiva, anche se è sempre un lavoro di squadra, mai individuale — e siamo riusciti a rendergli la vita difficile ogni volta che entrava in area [0/3 per il centro dei Magic nei tiri presi in area ma non al ferro, ndr]”. In una gara che finalmente lo ha visto in campo 39 minuti, le buone notizie sono arrivate anche sul fronte offensivo: “Sì, sono sempre stato abituato ad avere tanto la palla in mano, per creare gioco — mentre invece con la squadra che abbiamo finora è stato un po’ diverso. Ma se i minuti aumentano, anche le mie chance di poter avere impatto su una partita aumentano ed è quello che è successo stasera. Giocare al fianco di uno come Trae, che attira tantissimi raddoppi, aiuta — e lui sta costantemente migliorando nel trovare sempre il compagno libero quando raddoppiato”.

Gallinari sul nuovo allenatore: le analogie con Denver

vedi anche

Gallinari torna titolare: 23 punti&rimonta. VIDEO

“Mi era già successo una volta di in carriera di veder licenziato il nostro allenatore”, racconta Gallinari. “Era successo con Brian Shaw a Denver, anche in quel caso rimpiazzato da uno dei nostri assistenti, Melvin Hunt. Però lì era diverso: ero già al quarto anno con i Nuggets, e alla mia terza stagione lì erano arrivati i premi per co-coach of the year, a George Karl, e anche quello di executive dell’anno  per Masai Ujiri. Per un motivo o per l’altro però nessuno di loro l’anno dopo tornò a Denver, e il mix di tante facce nuove in squadra e un diverso coaching staff portò alle difficoltà della nostra squadra e poi all’allontanamento di coach Shaw. In generale però — conclude Gallinari — un avvicendamento in panchina è qualcosa che noi giocatori non possiamo controllare, ma solo subire: a noi non resta che fare il nostro, ovvero dare sempre il massimo in palestra e in campo, anche se sia dal punto di vista mentale che da quello psicologico andare incontro a un cambio in corsa è sempre qualcosa di complicato”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport