Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Clippers umiliati a New Orleans, Kawhi Leonard suona l'allarme: "Manca costanza"

NBA
©Getty

Fa sentire la sua voce il due volte campione NBA dopo il pesante ko contro i Pelicans, avanti dal primo secondo all'ultimo: "Se vogliamo sperare di vincere qualcosa dobbiamo essere più costanti. Le grandi squadre sono grandi proprio perché giocano a un certo livello ogni sera". Esattamente quello che non sembrano ancora in grado di fare i Clippers, usciti sconfitti in 5 delle ultime 7 gare disputate

I Clippers sono pur sempre quarti a Ovest, con un record abbondantemente vincente (25-15) ma ultimamente dalla “Città degli Angeli” arrivano segnali parecchio preoccupanti: perse 5 delle ultime 7 gare disputate — e 7 delle ultime 13, dopo un avvio  più che positivo, con 21 successi nelle prime 29 gare disputate. L’ultima sconfitta contro New Orleans — arrivata 48 ore dopo aver rifilato un’umiliante sconfitta agli Warriors, 130-104 — è sembrata l’esatto contrario del bel successo contro Curry e compagni: sempre dietro nel punteggio contro i Pelicans, dal primo secondo all’ultimo, L.A. è finita sotto anche di 33 punti prima di arrendersi 135-115. Un ko che ha fatto infuriare perfino Kawhi Leonard, solitamente parco nei suoi commenti, soprattutto verso la stampa. “Sono molto preoccupato da questi nostri alti e bassi: se vogliamo sperare di vincere qualcosa, dobbiamo imparare a essere più costanti”. Ed è proprio la costanza quello che oggi manca ai Clippers, come evidenziato anche dalle ultime uscite: ko pesante contro i Grizzlies (-28) seguito da una immediata vendetta (e Memphis sconfitta di 20). Poi altri tre ko prima dell’All-Star Game, la facilissima vittoria contro Golden State e lo scivolone senza attenuanti contro New Orleans. “Le grandi squadre sono grandi proprio perché costanti: magari ci sono sere in cui non hanno tanta energia, ma una certa costanza di rendimento è sempre lì, e riguarda giocatori, allenatori e tutta la squadra. Vincere deve diventare un’abitudine, nell’atteggiamento e nell’approccio prima ancora che nei risultati”.

Coach Lue vede luci e ombre: “Non sono scoraggiato, ma…”

leggi anche

Kawhi Leonard: "Olimpiadi a Tokyo? Voglio esserci"

Concetti ribaditi anche dall’allenatore dei Clippers, Tyronn Lue, che condivide lo sfogo della sua star ma non del tutto la sua preoccupazione: “No, non voglio essere scoraggiato, perché abbiamo dimostrato di poter giocare a livello dei migliori. Però dobbiamo farlo ogni sera, partita dopo partita — e non possiamo solo farlo a parole”. Gli infortuni possono essere una (parziale) giustificazione — anche contro New Orleans i Clippers erano senza Patrick Beverley e poi hanno dovuto rinunciare in corsa a Serge Ibaka, fermato all’intervallo da dolori alla schiena. “Se Beverley è qui o no deve importare poco: chi è in campo deve portare l’energia necessaria. Non possiamo fare affidamento su un solo giocatore”. In vista due trasferte sul campo di Dallas, a sfidare Luka Doncic e compagni, avversari al primo turno agli ultimi playoff: un test vero, per capire un po’ meglio la crisi di questi Clippers che preoccupa Kawhi Leonard.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche