Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Sundays: i Knicks battono i Clippers e consolidano il 4° posto a Est

NBA SUNDAYS

Successo sofferto e meritato da parte dei Knicks che vincono a Los Angeles contro un avversario complicato come i Clippers, avvicinando così l’aritmetica certezza di partecipare ai playoff senza passare dal play-in: merito dei 25 punti e 8 assist di un sontuoso Derrick Rose e ai canestri in volata di Julius Randle. La squadra di Los Angeles non va oltre i 29 punti con 25 tiri di Kawhi Leonard

L.A. CLIPPERS-NEW YORK KNICKS 100-106 (IL TABELLINO)

Un super Derrick Rose nel primo tempo (19 punti e 6 assist prima dell’intervallo lungo, in un match da 25 e 8 complessivi) e una grande difesa nella ripresa, unita alla partita in altalena dei Clippers, regalano ai Knicks una vittoria importante per avvicinare un obiettivo non nel mirino a inizio anno: andare ai playoff senza passare dal play-in. Merito di un gruppo che lotta e che riesce a fare a meno per 45 minuti anche di Julius Randle a livello offensivo, tornato a segnare sul più bello e capace con tre zampate di chiudere i conti in un match per lui da 14 punti e 14 rimbalzi, raccolti con un modesto 7/19 al tiro. Bene invece Reggie Bullock, che Thibodeau tiene sul parquet per 45 minuti e che ne segna 24 con 5/12 dall’arco. Sostanza e voglia che manca invece ai Clippers, incapaci di andare oltre i 29 punti di Kawhi Leonard e 18 di Paul George, ennesima dimostrazione di come la squadra di Los Angeles sia condizionata alle volte da cali di tensione preoccupanti. Tra 10 giorni questi passaggi a vuoto non saranno più concessi.

Il racconto del primo tempo tra Clippers e Knicks

Due minuti e mezzo bastano e avanzano a Tom Thibodeau per infastidirsi e chiamare timeout dopo il pessimo avvio dei suoi Knicks: 0/5 dal campo e 8-0 Clippers, lenti nell’ingranare le marce a causa dell’orario, ma guidati da un Kawhi Leonard che sembra voler mettere in chiaro le cose sin dalla palla a due. Perché i Knicks sono una squadra da playoff? Perché sotto 10-0 non si scompongono, ma ripartono senza preoccuparsi di quanto fatto, cavalcando al meglio l’energia che arriva dalla panchina da un ispirato Derrick Rose. E così dopo 10 minuti è New York a costringere Tyronn Lue a chiamare timeout: 22-19 per gli ospiti. Le mani si riscaldano sul finire di primo quarto e nonostante un Paul George da due tiri e zero punti, i Clippers rimettono il naso avanti: 29-26 dopo 12 minuti.

 

Si ritorna in campo dopo il primo intervallo e tra le seconde linee a spiccare è ancora una volta Derrick Rose: 12 punti, 6/6 al tiro e 5 assist in 9 minuti, difficile trovare cifre migliori per raccontarne l’impatto sul match. Dopo un quarto d’ora però, i Knicks sono ancora sotto: 41-38. Basta dare spazio e tiri a Paul George per portare poi i losangelini ad accarezzare la doppia cifra di vantaggio: 12 punti, 5/8 al tiro in un amen che porta sul 47-38 i Clippers. New York ferma la gara, ma la sensazione è quella dell’inizio della fuga. La partita, nonostante l’energia al minimo e il ritmo controllato, è gradevole e permette così ai Knicks di piazzare la zampata nel finale, tenere il passo dei losangelini e chiudere avanti grazie a un Derrick Rose che a questo ritmo sa giocare da MVP. 56-54 Knicks all’intervallo lungo, con 19 punti e 9/10 al tiro di Rose da una parte e 27 punti in due della coppia George&Leonard dall’altra. Nonostante un Julius Randle da 4 punti in 19 minuti, New York viaggia con oltre il 52% dal campo: la risposta di squadra di un gruppo che vuole prendersi un successo contro una delle big della lega.

Il racconto del secondo tempo tra Clippers e Knicks

Il terzo quarto appare chiaramente una fase interlocutoria della sfida, in cui se trova ritmo una squadra, l’altra riesce a rispondere con discreta facilità: il risultato è gradevole, con New York che fa canestro tre volte dall’arco e rimette il naso avanti, portando in doppia cifra RJ Barrett (13 punti con 13 tiri) e Reggie Bullock da 16 punti e 6/12 dal campo - gli stessi realizzati dall’altra parte da Kawhi Leonard. I Clippers giocano in maniera piatta il terzo quarto, disattenti in difesa e troppo prevedibili in attacco: il risultato è che, se nel primo tempo erano riusciti a toccare il +10, ora sono i Knicks a prendersi la doppia cifra di vantaggio grazie a un Reggie Bullock che continua a colpire dall’arco. A un quarto d'ora dalla fine New York avanti sul 79-69. Serve un sussulto e i Clippers lo trovano negli ultimi due minuti prima dell’ultimo mini-intervallo, chiudendo con un 5-0 che cambia in parte l’inerzia della sfida. A 12 minuti dalla sirena finale, tutto è apparecchiato per regalarci un grande quarto quarto.

 

Quanta fatica che continua a fare l’attacco dei Clippers, che trova respiro soltanto grazie a 5 punti in fila di Nicolas Batum e approfittando del fatto che New York non brilla in fase offensiva e non riesce ad allungare come vorrebbe: un bel problema però tenere in corsa i losangelini, sotto di 5 lunghezze a 10 minuti dalla sirena. I Knicks dimostrano poi di avere forza anche quando la gara si fa complicata, quando un paio di giocate di Rondo segnano il passo e fanno saltare le marcature previste da Thibodeau. Servono due risposte in attacco per New York e Derrick Rose risponde presente: 94-85, +9 a 5 minuti e mezzo dalla fine. I Knicks dimostrano poi di avere forza anche quando la gara si fa complicata, quando un paio di giocate di Rondo segnano il passo e fanno saltare le marcature previste da Thibodeau. Servono due risposte in attacco per New York e Derrick Rose risponde presente: 94-85, +9 a 5 minuti e mezzo dalla sirena. A fare la differenza però sono le piccole cose fatte da Taj Gibson e dai giocatori come lui a spostare la gara in favore degli ospiti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche