Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron meglio di tutti (anche di Jordan): "Nessuno mi considera realizzatore"

social
©Getty

Le 17 stagioni in fila chiuse con almeno 25 punti di media pongono il n°23 dei Lakers al primo posto all-time dei realizzatori in questa particolare categoria: nessuno è stato costante nella resa come lui, nonostante come sottolineato da James, da sempre sia un giocatore che “pensa prima al passaggio per i compagni”. Quando si parla dei grandi della storia del gioco nel fare canestro, meglio includere anche il suo nome

Alla fine della regular season, andando a tirare le somme, si scopre che LeBron James - nonostante infortuni, età che avanza e Lakers in affanno - non ha avuto grossi problemi a mantenere i 25 punti di media anche in questa stagione. Sono 17 stagioni consecutive che viaggia oltre quella soglia (merito anche della striscia di partite con almeno 10 punti, aperta nel 2007 e ancora da terminare): in pratica, tolto l’anno da rookie (in cui sfiorò i 21 punti di media), non ha mai mancato l’appuntamento con il 25. Un dato enorme se messo a confronto con quanto fatto da qualsiasi altro realizzatore nella storia NBA: i più vicini? Michael Jordan, Durant, Kobe e Malone - fermi a quota 12 totali in carriera. Lui 17 in fila, senza grande affanno.

Un dato quello pubblicato da StatMuse che non è passato inosservato all’interno del feed di Twitter di LeBron, che a quel punto ha preso lo screen e lo ha condiviso sul suo profilo personale, sottolineando un aspetto del suo gioco che non sempre viene evidenziato: “È da quanto ho compiuto 19 anni! [riferito al momento in cui ha iniziato a segnare almeno 25 punti di media a stagione in NBA, ndr] E sono un giocatore che pensa prima di tutto a passare il pallone. Lo sono sempre stato. Forse è per questo che non vengo mai menzionato quando si parla dei più grandi realizzatori di sempre? È perfetto perché preferisco che la situazione vada avanti così”. Della serie: anche se non ne parlate, io nel frattempo continuo a portare avanti una striscia di risultati e canestri che nessuno si era mai sognato di realizzare.

Già terzo marcatore di sempre per numero di punti messi a referto (più di Michael Jordan e Kobe Bryant), il stranezza di LeBron - nel senso più positivo del termine - è quella di essere talmente completo nella resa che la sua presenza nelle classifiche all-time di ogni genere è consolidata (anche in quella dei migliori passatori, ad esempio). Nonostante James poi non sia andato così spesso oltre quota 30 punti di media - due volte, nella terza e quinta stagione NBA a Cleveland - la serie di record raccolti anche quando si parla di realizzazione resta impressionate: primo per punti totali realizzati ai playoff, sesto per media in postseason, primo per gare da almeno 20 e 30 punti ai playoff (in regular sano e terzo in entrambe le categorie). Come sottolinea StatMuse: “Niente male per un giocatore che pensa prima di tutto a passare il pallone ai propri compagni”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche