Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron sulla sirena dei 24 in faccia a Curry: la tripla che decide il play-in. VIDEO

NBA

Punteggio sul 100-100, cronometro della gara che entra nell’ultimo minuto ma soprattutto quello dei 24 secondi che sta per scadere: LeBron riceve uno scarico a quasi 9 metri dal canestro, ha Steph Curry in faccia, un occhio malconcio eppure infila la tripla del +3 che finirà per decidere la partita e dare ai Lakers la qualificazione ai playoff: "Vedevo tre ferri, ma ho mirato quello di mezzo: è andata bene"

GUARDA LAKERS-WARRIORS IN ESCLUSIVA SU SKY SPORT

Solo un minuto prima LeBron James aveva subìto un colpo al viso andando a canestro da Draymond Green, un colpo così violento da lasciarlo a terra per diversi minuti prima, poi in panchina a farsi medicare dallo staff medico, con gli arbitri chiamati a decidere se il contatto sul viso (molto vicino all’occhio sinistro del giocatore dei Lakers) era o meno da ritenersi un “flagrant”. Il fallo alla fine è stato catalogato come “common foul”, ma il 23 gialloviola resta visibilmente scosso dall’impatto e l’area attorno al suo occhio rossa e irritata. Non importa. Quando il pallone gli ritorna in mano — solo un minuto dopo, in piena emergenza — con il cronometro dei 24 secondi vicinissimo allo scadere e il punteggio sul 100-100 — LeBron James non ha altra scelta che prendersi il tiro più importante della serata e, forse, della stagione dei Lakers. Con Steph Curry che prova fino all’ultimo a infastidirlo, inutilmente. È la tripla che decide la partita, e James a fine gara — ai microfoni di Rachel Nichols — la commenta così: “Dopo la ditata di Draymond nell'occhio ci vedevo triplo. E dei tre ferri che vedevo ho mirato quello di mezzo. È andata bene”. Un tiro di una difficoltà irreale, realizzato nel momento più caldo della gara, a una distanza dal canestro che - fanno sapere le statistiche NBA - è la più lunga (oltre 10 metri) da cui LeBron abbia mai realizzato un canestro del vantaggio negli ultimi tre minuti di una gara in tutta la sua carriera. Il play-in non gli piaceva, ma ha deciso di vincerlo in grande stile. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche