Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, il ritorno di "Playoff P": "Sapevo di dover giocare alla grande"

NBA
©Getty

Paul George aveva i riflettori puntati addosso: la gara più importante della stagione, da affrontare senza Kawhi Leonard, fuori (forse a lungo) per via dei guai al ginocchio. E l'ex giocatore di Pacers e Thunder ha risposto alla grande. A partire da una dichiarazione bellicosa fatta a coach Tyronn Lue prima ancora di scendere in campo

E dopo gara-5 - una gara chiusa con 37 punti e 13 rimbalzi, una gara giocata senza Kawhi Leonard al suo fianco - sulle pagine dei giornali e sui media più influenti è tutto un abbondare di "Playoff P". Un soprannome che solo un anno fa circa - nella bolla di Orlando - sembrava ormai dimenticato (anzi, sembrava suonare addirittura beffardo, sostituito dal meno gentile "Pandemic P"), ora è tornato immediatamete d'attualità. A chi gli ha chiesto una spiegazione su questo ritorno, Paul George ha risposto laconico: "Non ci sono segreti particolari. Sapevo che avrei dovuto giocare alla grande, stasera come nelle prossime gare". Già, perché ora Leonard non c'è e potrebbe non esserci più fino alla fine. Il Leonard che ha già vinto. Il Leonard che ha già dimostrato di saper essere il numero uno. Quello che - ripetevano spesso i suoi critici - George non ha mai dimsotrato di poter essere. Ma "PG13" ha la memoria più lunga, e si ricorda facilemente un passato non troppo lontano in cui è stato il numero uno. "A Indiana mi è stato chiesto di guidare una franchigia. La cosa bella di venire a L.A. è che oggi posso farlo insieme a uno dei migliori giocatori al mondo, in Kawhi. Ora che lui non c'è, mi basta tornare alla mentalità che avevo quando giocavo ai Pacers. Non ho dovuto inventarmi niente, e non ho sentito di dover provare nulla a nessuno", dice George. "Dovevo solo tornare a quel tipo di feeling e credere in me stesso. Ringrazio i miei compagni che mi hanno permesso di fare la partita che ho fatto, continuando a incitarmi e spingermi a dare tutto". 

Coach Lue: "Ha mandato un messaggio importante"

leggi anche

George senza Leonard: le condizioni di Kawhi

Compagni e allenatore, perché anche coach Lue non ha avuto dubbi ad affidarsi a George nella gara più importante della stagione: "È venuto da me prima della palla a due e mi ha detto: 'T, ci penso io'. Ho grande rispetto per PG, è ingiusto giudicare un giocatore per una singola serie o per una singola partita". E a proposito di grandi partite: "Con quella di oggi ha lanciato un messaggio, importante. Voglio dire: si sentono un sacco di voci in giro, la gente si inventa di tutto. Ma Paul è un gran giocatore". E gara-5 contro Utah l'ha dimostrato. Una volta di più, ce ne fosse stato bisogno. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche